PRIMO PIANO

Omicidio di Pordenone: messaggi cancellati dal pc di Ruotolo e della fidanzata

La possibilità che nei computer e neitelefonini in uso a Giosuè Ruotolo, sospettato del duplicedelitto del palasport in cui furono uccisi Trifone Ragone e la fidanzata Teresa Costanza, e alla sua compagna di Somma Vesuviana ci fossero operazioni sospette è stata confermata dagli accertamenti tecnici. Lo scrive il sito il gazzettino.it.
In Procura non è stata ancora depositata una relazione ufficiale da parte dei carabinieri della sezione tecnologie informatiche del Ros di Roma. Ma alcune informazioni, molto precise, sono trapelate per consentire agli investigatori pordenonesi di concentrarsi su determinate situazioni e di impostare le audizioni dei testimoni sentiti a Somma Vesuviana nelle ultime due settimane.

I telefonini – specie gli iPhone e gli smartphone – sono dei rilevatori di posizione, consentono infatti di ricostruire gli spostamenti di chi li utilizza, ma lasciano anche traccia dei “passaggi” su social network, siti internet e applicazioni. I tecnici del Ros hanno scoperto cancellazioni di dati sia nel computer di Ruotolo sia nel computer della fidanzata ventiquattrenne, studentessa di Giurisprudenza all’università di Napoli. Cancellazioni selettive della cronologia delle conversazioni sono state poi accertate nell’hard disk del telefonino della studentessa: significa che ha eliminato soltanto alcuni messaggi su whatsapp e sulle chat utilizzate per comunicare a distanza con Ruotolo.

Perché ha scelto soltanto alcuni messaggi È stato possibile recuperare i dati eliminati utilizzando i sofisticati strumenti in dotazione al Ros? Ricostruire, dunque, le conversazioni tra Ruotolo e la fidanzata nelle settimane che hanno preceduto l’omicidio di Trifone Ragone e Teresa Costanza? Oltre a quelle avvenute nei sei mesi trascorsi prima che Ruotolo fosse indagato? Su questo punto la Procura non si sbilancia. Mantiene il massimo riserbo. Il fatto che alla difesa e alle stesse parti offese non siano state ancora messe a disposizione le copie forensi degli hard disc, fa pensare a una strategia ben precisa da parte dei pm Pier Umberto Vallerin e Matteo Campagnaro: gli inquirenti stanno lavorando lasciando difesa e consulenti di parte al buio per evitare fughe di notizie che potrebbero compromettere l’inchiesta e dare il via a un inevitabile processo mediatico, come è avvenuto per tanti altri casi.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Most Popular

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top