Denuncia di essere vittima di aguzzini che chiedono soldi ma non è...

Denuncia di essere vittima di aguzzini che chiedono soldi ma non è vero e finisce nei guai

0
SHARE
Squadra mobile

“Sottrae il denaro dalla cassaforte del nonno per spenderlo in telefoni cellulari di ultima generazione ed altro e, vistosi scoperto, inventa la storia di aver dovuto consegnare il denaro sottratto a dei ragazzi sconosciuti dietro minaccia, denunciando il tutto alla polizia; i poliziotti, effettuate le dovute indagini, fanno emergere le contraddizioni nel racconto del giovane, che infine, vistosi scoperto, confessa di avere inventato la storia di essere vittima di sconosciuti estortori: minorenne denunciato dalla polizia per simulazione di reato”.

Nei giorni scorsi, gli uomini della Squadra Mobile di Enna – diretti dal Vice Questore Aggiunto dott. Gabriele Presti – denunciavano in stato di libertà un giovane minorenne, classe 1998, per il delitto di simulazione di reato, ex art. 367 c.p., ovvero per aver falsamente denunciato alla polizia di essere sottoposto ad estorsione da parte di soggetti sconosciuti, che gli avrebbero estorto oltre un  migliaio di euro che il giovane sarebbe stato costretto a rubare al nonno, versione dei fatti poi smentita poi dalle successive indagini degli investigatori. Il giovane aveva denunciato che egli, a più riprese, aveva consegnato agli aguzzini quasi 2000 euro.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY