Palestra Via Ugo La Malfa, c’è il via ai finanziamenti: dopo 30...

Palestra Via Ugo La Malfa, c’è il via ai finanziamenti: dopo 30 anni spiraglio di luce?

0
SHARE

palestra ugo la malfaLa Giunta Comunale ha approvato il progetto dei lavori di completamento della palestra distrettuale di piazzale La Malfa, finanziati dal Ministero dell’Interno nell’ambito del P.A.G. (Piano di Azione Giovani – “Sicurezza e Legalità” PON Sicurezza – Iniziativa “Io gioco Legale”) per un importo di 2.400.000,00 Euro.
Il progetto è esecutivo ed è munito di tutte le approvazioni di legge, per cui sono state avviate alla vigilia di Capodanno le procedure di gara per l’affidamento dei lavori. Tramite questo intervento, che prevede il completamento e messa in esercizio dell’impianto sportivo mediante la realizzazione di elementi di chiusura dei prospetti laterali, definizione degli ambienti e servizi interni e dotazione impiantistica, l’importante struttura cittadina sarà quindi restituita alla fruizione pubblica.

Con queste parole il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, tramite il proprio account Facebook, annuncia l’importante finanziamento che dovrebbe andare a completare i lavori della struttura, simbolo di spreco di denaro pubblico, lentezza amministrativa e mancanza di progettazione per diversi anni. A distanza di 30 anni, sembra essere vicini ad una soluzione. 

La struttura è un progetto degli anni 70. I lavori, cominciati circa dieci anni successivamente alla realizzazione del progetto, si bloccano immediatamente. Nel 2010 vengono stanziati 2 milioni e 900 mila euro per la copertura in legno della palestra che, una volta realizzata, viene puntualmente abbandonata e lasciata in stato di degrado.  Famosa la scritta polemica che apparve, all’interno della palestra, subito dopo la realizzazione della copertura d’insegna: “Questa è Agrigento”.

Della palestra distrettuale si erano anche occupati i media nazionali. Famoso, nel giugno 2013, il servizio di Vittorio Brumotti, inviato di “Striscia la Notizia” , famoso per scovare tutti gli sprechi di denaro pubblico e le opere incompiute per tutto lo Stivale.

 

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY