Apertura

Licata, blitz “Catene spezzate”: ragazzi costretti a mangiare escrementi

Nuovi particolari sulle accuse nei confronti degli 8 indagati del blitz “Catene spezzate” coordinato dalla Procura di Agrigento in una inchiesta che ha visto al centro dell’attenzione dei magistrati un centro per minori di  Licata.

Dalle indagini emerge che alcuni ragazzi che alcuni ragazzi sarebbero stati costretti a mangiare i loro stessi escrementi. Altri sarebbero stati legati ai letti e altri ancora alle sedie solo perchè “rei” di non aver finito il pranzo. Altre volte gli ospiti venivano lasciati senza cibo. Sarebbero state alcune maestre ad accorgersi per prime dei disagi di alcuni ragazzi.

La “casa degli orrori” è stata chiusa.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top