Mafia, Ciancimino jr: “Madonia responsabile dell’omicidio del medico Bosio”

Redazione

Mafia

Mafia, Ciancimino jr: “Madonia responsabile dell’omicidio del medico Bosio”

di Redazione
Pubblicato il Feb 29, 2016
Mafia, Ciancimino jr: “Madonia responsabile dell’omicidio del medico Bosio”

“Mio padre mi disse che il medico Sebastiano Bosio e l’imprenditore Libero Grassi erano stati uccisi dai Madonia. Ne parlarono con mio padre Giuseppe Giacomo Gambino e Bernardo Provenzano. Grassi e Bosio, secondo la mafia, erano due rompicoglioni, due sbirri, persone rigide nei confronti della mafia. Per mio padre erano comunque due omicidi inutili, avrebbero fatto piu’ danni da morti che da vivi“.

Cosi’ Massimo Ciancimino ha spiegato le ragioni dell’omicidio di Sebastiano Bosio, il primario del Civico ucciso nel 1981, durante il processo d’appello a Antonino Madonia, accusato del delitto e assolto in primo grado. Rispondendo alle domande del pg Nico Gozzo, Ciancimino ha parlato anche della nuova struttura che doveva essere costruita al Civico. “Tutta la mafia della zona – ha spiegato – era interessata agli appalti sia per l’edilizia sia per la fornitura di macchinari e strumenti medici. Bosio, da quello che mi ha raccontato mio padre, si era opposto ad alcune segnalazioni dell’onorevole Salvo Lima per gli appalti”.

Negli interrogatori con i pm Ciancimino aveva anche detto di aver saputo da suo padre che “la vicenda Sindona era tra le causali dell’omicidio Bosio”, ma non ha saputo dire di piu’ in aula in risposta alle sollecitazioni dell’avvocato Marco Clementi difensore di Madonia. Clementi ha anche puntato sulle alcune “contraddizioni” di Ciancimino che, in un verbale del marzo 2008, al pm aveva detto che a volere l’omicidio sarebbe stato Gambino, indicando come esecutore Madonia. Oggi ha spiegato che “sia Gambino che e Madonia volevano Bosio morto“, non sapendo dire se l’imputato fosse coinvolto come mandante o come esecutore. “Bosio aveva la denuncia facile, era uno sbirro – ha proseguito – Me lo disse mio padre tra il 1999 e il 2000. Ricordo che qualcosa era scritto anche nel libro ‘Le mafie’, ma non so, nelle varie perquisizioni, dove siano finite queste carte”


Dal Web


  • Mafia

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Mafia

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Mafia

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Mafia

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361