Palermo

Sicilia, Fiumefreddo:” Io via perchè pignoravo stipendi ai deputati siciliani”

E’ un fiume in piena l’avvocato catanese Antonio Fiumefreddo, fino a pochi giorni fa a capo di “Riscossione Sicilia”, la società che si occupa di riscuotere le tasse in Sicilia, che è decaduto dal suo incarico dopo le dimissioni degli altri due consiglieri.

Fiumefreddo aveva avviato il pignoramento delle indennità ad alcuni deputati siciliani che avevano pendenze col fisco. “Una volta diventati deputati – ha detto Fiumefreddo ai microfoni di Fanpage.it -, non venivano più cercati da Riscossione Sicilia. Così abbiamo scovato 64 deputati regionali su 90 con pendenze col fisco, da 100 a 200 mila euro. Dopo averli avvisati, ho dovuto persino pignorare la loro indennità parlamentare e per questo hanno chiesto la mia testa”.

Per Fiumefreddo, “tra i deputati gira una battuta di questo tenore ‘meglio fare politica che lavorare’. Sono dei pirati e per questo mi hanno denunciato: si tratta di una classe dirigente che depreda questa terra”. L’avvocato, quindi, non risparmia una stoccata anche al Presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta: “Gli è stata minacciata la sua testa se non avesse mollato la mia – ha detto –. La Sicilia è un territorio di evasori, il primo paradiso fiscale d’Italia”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top