Agrigento

Mafia, blitz contro famiglie agrigentine, le accuse: estorsioni, armi, rapina e tentato omicidio

di Redazione
Pubblicato il Mag 27, 2016
Mafia, blitz contro famiglie agrigentine, le accuse: estorsioni, armi, rapina e tentato omicidio

L’operazione eseguita dalla Squadra Mobile e’ il seguito dell’operazione ‘Icaro’ che nel 2015 porto’ in carcere Otto persone accusate, a vario titolo, dei reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsioni, riciclaggio, danneggiamenti, detenzione illegale di armi da fuoco e relativo munizionamento, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, rapina aggravata dall’uso delle armi, tentato omicidio ed altro. L’operazione antimafia “rappresenta la seconda fase dell’Operazione ‘Icaro’ eseguita in data 2 dicembre 2015, anch’essa condotta dalla Squadra Mobile di Palermo, diretta da Rodolfo Ruperti e dalla Squadra Mobile di Agrigento, diretta da Giovanni Minardi – spiegano gli inquirenti – In quell’occasione, la Polizia di Stato aveva eseguito tredici misure cautelari a carico di altrettanti indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo dei reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsioni, riciclaggio, danneggiamenti, detenzione illegale di armi da fuoco e relativo munizionamento, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, rapina aggravata dall’uso delle armi, tentato omicidio  ed altro”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361