Mafia

Strage di Brescia: incendiati terreni a latitante Marino, il padre fu ucciso da Matteo Messina Denaro

A Trapani i carabinieri indagano sull’incendio di due terreni recentemente confiscati a Vito Marino, imprenditore agricolo recentemente condannato dalla Corte d’Assise di Milano per il triplice omicidio Cottarelli avvenuto a Brescia.

Gli incendi sono avvenuti tra il 6 ed il 7 giugno in contada Sarbucella, fra Trapani e la frazione di Dattilo riguardano due terreni coltivati a grano. In totale sono stati dati alle fiamme 20 ettari di terreno sotto confisca dal Tribunale Misure di Prevenzione di Trapani, che hanno polverizzato circa 40 quintali di grano.

Le indagini ruotano a 360 gradi; gli investigatori evidenziano che “con l’inizio della stagione estiva, a breve sarebbe iniziata la trebbiatura dei terreni”.

Vito Marino – figlio del boss mafioso Girolamo, ucciso nel 1986 dall’attuale super latitante Matteo Messina Denaro – insieme al cugino Salvatore (anche lui condannato per la Strage di Brescia), e’ attualmente ricercato dalla Squadra Mobile in esecuzione della condanna della Corte d’Assise di Milano.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Most Popular

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top