Apertura

Rissa, coltellate, morte: una foto e l’essenza del dolore

Francesco Frisco, Salvatore e Giuseppe Lo Piccolo

Francesco Frisco, Salvatore e Giuseppe Lo Piccolo

Una foto:  l’essenza del dolore

Immagine sapientemente colta e valorizzata da www.blogsicilia.it e descrive il dolore dei familiari di Roberto Frisco, appena ammazzato e sintetizza la giornata di bestiale violenza vissuta ieri a Palermo. Scrivono i colleghi di www.blogsicilia.it :

Una banale lite in pizzeria scoppiata durante una normale serata di sabato.

Una lite fra la famiglia Frisco e una persona ancora non identificata. Così sarebbe iniziato tutto.

Una lite degenerata, poi, in una spedizione punitiva finita con un vero e proprio duello rusticano a coltellate il cui bilancio è un morto, Roberto Frisco, due feriti gravi, due lievi e cinque persone arrestate. Feriti in modo grave il padre Giuseppe di 54 anni e in modo meno grave il fratello Francesco di 31 anni.

Gli altri due feriti appartengono, invece, alla famiglia Lo Piccolo. Si tratta di Salvatore di 19 anni che è ferito in modo lieve e di Nunzio di 23 anni le cui condizione vengono considerate gravi.

Il terzo contendente appartenente alla famiglia Lo Piccolo è Giuseppe, 43 anni, unico rimasto illeso e datosi alla fuga poi catturato durante la notte.

E’ la ricostruzione del carabinieri del Reparto operativo guidati dal colonnello Salvatore Altavilla che indagano sulla maxi rissa di ieri notte a Cruillas che ha coinvolto due nuclei familiari. i Frisco e i Lo Piccolo.

Tutto ha avuto inizio in pizzeria. I Frisco litigano con uno sconosciuto e la lite degenera e finisce in un vero e proprio pestaggio. Colpito nell’orgoglio forse più che nel fisico l’uomo lascia la pizzeria e va a chiamare aiuto trovandolo nei Lo Piccolo.

Gli uomini di famiglia si presentano a chiedere ragione dell’accaduto e la situazione degenera ulteriormente fino a  quando nello scontro fra i Lo Piccolo e i Frisco escono i coltelli e la disputa si trasforma in un duello all’arma bianca conclusosi con il drammatico bilancio.

Sul selciato resta la giovane vittima di 27 anni sul corpo della quale è chinata una donna a piangere quel giovane mentre altri sono ricoverati con feriti gravi e  meno gravi ma tutti sono destinati a finire nelle celle del carcere di Pagliarelli.

Una vicenda analoga in tutto e per tutto a quanto accaduto poche ore prima a Borgo Nuovo dove, nello scontro fra due famiglia nato semplicemente da una disputa sui panni stesi, è comparsa stavolta una pistola.

Un uomo è morto e uno è rimasto ferito.

Altra rissa, altro quartiere ma non distante, ma circostanze drammaticamente simili con la morte che bussa all‘apice di uno scontro annoso fra due famiglie di vicini.

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top