Donna ridotta in fin di vita, arrestato nigeriano

Donna ridotta in fin di vita, arrestato nigeriano

0
SHARE
Valentine Omwanta e il luogo dell'aggresdsione

E’ accusato avere rapinato e ridotto in fin di vita una donna.

Un nigeriano di 25 anni, ritenuto l’autore della violenta aggressione commessa a Valderice la sera del 30 maggio, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Trapani, su disposizione della Procura diretta da Marcello Viola. I reati contestati sono quelli di rapina aggravata e lesioni gravi.

Il giovane è stato rintracciato nel Cara di Mineo. E’ stato condotto nel carcere di “San Giuliano”, a disposizione del Gip che, al termine dell’interrogatorio di garanzia, ha convalidato il fermo, disponendo la misura della custodia cautelare in carcere. Quella sera, la vittima aveva partecipato a un incontro organizzato da una associazione culturale. La donna, nel tragitto verso la propria auto, parcheggiata non molto distante, era stata barbaramente aggredita, picchiata, derubata dei propri effetti personali e lasciata in fin di vita in un piccolo campo recintato, a lato della strada, dove aveva trascorso, priva di sensi, l’intera nottata. I parenti, preoccupati del mancato rientro, insieme ai militari dell’Arma immediatamente avvisati, si erano messi alla ricerca della donna che è stata trovata, priva di sensi e con vistose ferite, solo la mattina dopo.

Sin da subito, i militari della Stazione di Valderice e del Nucleo Operativo della Compagnia di Trapani, coordinati dai Pm Anna Trinchillo e Franco Belanno proceduto a una intensa attività investigativa.. La delicatezza e la complessità della vicenda ha quindi richiesto l’intervento di personale specializzato del Ros di Palermo. Numerosi gli elementi di colpevolezza, compreso il telefonino sottratto alla vittima e venduto a un ospite del Cara di Mineo dove il nigeriano si era rifugiato.

Fondamentale la collaborazione di alcuni ospiti della struttura di accoglienza valdericina che hanno segnalato l’allontanamento del sospettato e fornito dettagli sui suoi spostamenti.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *