Mafia

Mafia, blitz Vultur, controllo del locale Link8 di Canicattì: ecco perché Meli e Di Caro sono in carcere e Giordano no

Una vicenda delicata ed oltremodo complessa emerge
dalle carte dell’inchiesta antimafia che ha portato all’arresto
di Saro Meli, u puparu, ritenuto boss di Camastra e
Lillo Di Caro suo omologo a Canicatti.
I fatti, come narrati nel provvedimento di cattura viene coì
ricotruita:
Ricostruendo in estrema sintesi l’intera vicenda della gestione
del locale di Canicattì, risulta che il Rosario Meli, dopo
essersi accordato con Giuseppe Morgante per la gestione
della discoteca Link8, consegnandogli la somma di 10.000
euro, poiché tale attività doveva svolgersi fuori dal territorio
di pertinenza mafiosa del Meli, sarebbe andato a Canicattì e
avrebbe chiesto a Carmelo Curto chi fosse il referente
mafioso in quel momento.

SE VUOI LEGGERE L’ARTICOLO ACQUISTA GRANDANGOLO. A SOLO 1 EURO, FACILMENTE E VELOCEMENTE, POTRAI RICEVE SUL TUO COMPUTER IL SETTIMANALE GRANDANGOLO

Pulsante-Acquista-Ora

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top