Estate, gdf: controlli a tappeto, sequestri e denunce

Estate, gdf: controlli a tappeto, sequestri e denunce

0
SHARE

Quasi 2.000 i lavoratori “in nero” e irregolari scoperti nel corso del piano estivo. In questo ambito a Foggia e’ stata portata a termine un’operazione a contrasto del fenomeno del “caporalato” la quale ha permesso di sgominare un gruppo criminale che, disponendo di un’articolata struttura organizzativa (con dormitori, servizi di trasporto degli operai, contabilita’ parallela “in nero”, ricorso a ditte/societa’ di copertura), ha realizzato una prolungata attivita’ di intermediazione illecita di diversi operai di nazionalita’ rumena. L’operazione si e’ conclusa con l’arresto di tre persone e il sequestro di immobili e automezzi impiegati nell’attivita’ criminale. Sempre nel settore dei ricavi in parte occultati al Fisco sono stati registrati 675 interventi a contrasto degli affitti irregolari, anche mediante il ricorso all’offerta on-line, di seconde e terze case nelle principali localita’ di villeggiatura; 420 le violazioni riscontrate, con il conseguente avvio di piu’ approfonditi accertamenti fiscali. In tale contesto si inserisce un piu’ articolato e strutturato piano d’azione realizzato dalla Guardia di Finanza in Sicilia che, dopo un’approfondita attivita’ informativa, supportata anche dall’esame di numerosi siti internet e riscontri sul territorio, ha individuato 23 “bed & breakfast” completamente abusivi e proposto per il recupero a tassazione nove milioni di euro non dichiarati al Fisco con un milione di euro di Iva evasa. L’intensificazione del controllo economico del territorio disposta dalla Guardia di Finanza durante la corrente stagione estiva ha coinciso, inoltre, con un nuovo piano di controlli mirati sui servizi di rimessa di denaro, per prevenire condotte finalizzate all’utilizzo dei circuiti di pagamento alternativi ai canali bancari per finalita’ di riciclaggio di proventi illeciti, ovvero per possibili operazioni destinate al finanziamento del terrorismo.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY