Libero dopo tentativo di rapire bimba a Ragusa: ancora polemiche

Libero dopo tentativo di rapire bimba a Ragusa: ancora polemiche

212 views
0
SHARE

Non si placano le polemiche a Ragusa dopo la scarcerazione del 43enne indiano che lo scorso 16 agosto a Scoglitti ha tentato di sottrarre ad una coppia di turisti in vacanza in Sicilia la figlia di 5 anni. L’uomo subito dopo il fermo era stato rimesso in libertà dal pm Giulia Bisello, che non ha valutato la sussistenza degli estremi per tenere in cella l’extracomunitario.

All’origine della sua decisione c’è stato il fatto che l’accusa nei confronti del 43enne è di tentato rapimento, e non sequestro di persona. Una scelta confermata dal magistrato due giorni dopo, a seguito di un nuovo interrogatorio dell’uomo.

Sulla vicenda è intervenuto anche il ministro della Giustizia Andrea Orlando, il quale ha avviato una serie di accertamenti attraverso l’Ispettorato del ministero, al fine di valutare eventuali violazioni da parte del pm.

Di contro, a prendere le difese del pm è stato il procuratore di Ragusa Carmelo Petralia, il quale, pur nel pieno rispetto della decisione del membro del governo, si è detto sorpreso per la mancata “dichiarazione di solidarietà nei confronti di un magistrato che applica la legge“, e vittima di gravi attacchi da parte di cittadini ed esponenti politici.

Gli atti intanto sono stati trasmessi alla procura di Messina. Al centro di tutto sono le modalità con cui si è consumato il fatto.

Secondo le ricostruzioni dichiarate dai genitori della bambina, infatti, la piccola non è stata mai persa di vista dalla coppia; un fatto scongiurato dal tempestivo intervento dei due, che hanno bloccato immediatamente l’extracomunitario dopo pochi metri di fuga con la loro figlia in braccio.

Durissimi i commenti alla decisione della scarcerazione, da parte di diversi esponenti politici nazionali. “Quando manderemo a casa i pagliacci che ci governano reintrodurremo il reato di immigrazione clandestina e la certezza della pena e follie come queste non succederanno più”, ha detto il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Alle sue parole hanno fatto eco quelle di Maurizio Gasparri: “Funziona così la giustizia in Italia? Se l’immigrato fosse riuscito nel suo intento allora si sarebbe potuto procedere con la carcerazione. Poichè è stato fermato dalle urla della gente, allora è come se non avesse mai commesso nulla. Che vergogna!

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *