Agrigento, piazza Lena e San Giuseppe, architetto presenta denuncia alla Procura

Redazione

Agrigento

Agrigento, piazza Lena e San Giuseppe, architetto presenta denuncia alla Procura

di Redazione
Pubblicato il Ago 26, 2016

Un professionista palermitano, che è un architetto, ha presentato alla Procura di Agrigento, come pubblica un sito agrigentino, una denuncia tramite cui ha ipotizzato delle irregolarità nell’ ambito dell’ aggiudicazione della gara per l’affidamento dell’incarico della riqualificazione artistica di piazza San Giuseppe e piazza Lena ad Agrigento. Il professionista si riferisce ai criteri di nomina dei componenti della Commissione di gara. E poi, dopo che gli sarebbe stato illegittimamente impedito di assistere all’apertura delle buste delle offerte, quando ha chiesto l’accesso agli atti, il Comune gli avrebbe consegnato una documentazione incompleta, con il verbale della commissione di gara in copia non originale, e senza le domande di partecipazione degli altri concorrenti, l’attestazione della ricezione delle domande e le proposte progettuali. Il Tar, su ricorso del professionista, ha giudicato non valida la nomina della Commissione di gara e ha dichiarato  illegittimo il diniego della visione di tutti gli atti richiesti, costringendo il Comune a consegnarli. Ebbene, secondo l’architetto vi sarebbero delle differenze tra il primo verbale di gara consegnato, non in copia originale, e il secondo verbale di gara consegnato, originale come disposto dal Tar. Il primo non originale sarebbe firmato da tutti i componenti della Commissione di gara. Il secondo sarebbe firmato solo da due componenti. Inoltre, le proposte progettuali del concorrente vincitore, il maestro Silvio Benedetto, non sarebbero conformi alle opere collocate nelle due piazze agrigentine, e, peraltro, le stesse opere sono state collocate nelle piazze Lena e San Giuseppe solo 6 giorni dopo l’aggiudicazione della gara.  (fonte www.teleacras.com)

La notizia è stata riportata anche dal quotidiano La Sicilia di questa mattina in un ampio e dettagliato articolo.


Dal Web


  • Agrigento

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361