Agrigento, deteneva droga, armi e soldi: arrestato Maurizio Agrò

Redazione

Agrigento

Agrigento, deteneva droga, armi e soldi: arrestato Maurizio Agrò

di Redazione
Pubblicato il Ago 29, 2016
Agrigento, deteneva droga, armi e soldi: arrestato Maurizio Agrò

La Squadra mobile della Polizia di Stato in Agrigento, nel corso di un servizio di Polizia Giudiziaria, finalizzato alla prevenzione e alla repressione di reati in materia di stupefacenti svolto, ha proceduto al controllo di un ovile, attiguo al fiume Akragas, sito in c.da San Marco.

A seguito della perquisizione, il personale della Sezione antidroga della Squadra mobile, diretta da Giovanni Minardi, rinveniva  e sequestrava hashish, in panetti ed in ovuli, per un peso complessivo di grammi 1.287, una busta di cocaina del peso di grammi 9.7, una pistola a salve, denaro contante in banconote da 10 e 20 per un totale di 250 euro e tre bilancini di precisione.

Lo stupefacente risultava occultato in più punti della vasta proprietà, specificatamente all’interno di alcune barre metalliche di un furgone Fiat Strada e in alcuni mobili della struttura.

Venivano rinvenuti alcuni ciclomotori di dubbia provenienza sui quali sono in corso accertamenti da parte di personale della locale Polizia Stradale, intervenuta in loco.

Inoltre, richiesto l’intervento sul posto di personale della Polizia Provinciale, quest’ultimo procedeva al sequestro di una zona contigua al fiume Akragas, utilizzata come discarica per il materiale dell’ovile.

In esito all’attività di P.G. veniva sottoposto agli arresti domiciliari  Maurizio Agrò, 45 anni, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti; lo stesso veniva deferito per la violazione del divieto di abbandono di rifiuti in prossimità di acque superficiali, previsto dal Testo Unico Ambientale.


Dal Web


  • Agrigento

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361