Assegno di cura: Il “si“ del presidente Crocetta e del vice...

Assegno di cura: Il “si“ del presidente Crocetta e del vice presidente Lo Bello

0
SHARE
Incontro con il presidente Crocetta

“Siamo soddisfatti   per la grande disponibilità e la sensibilità mostrata dal presidente Crocetta e del vice presidente Mariella Lo Bello.

Lo affermano le associazioni delle famiglie dei disabili che ieri hanno incontrato i due esponenti del Governo della Regione siciliana per discutere dell’assegno di cura.

La riunione  richiesta dalle  associazioni: Associazione Amici di Agrigento onlus; Associazione Vitautismo onlus; Associazione Lottiamo insieme onlus; Associazione Nuove Ali di Agrigento onlus; Associazione Senza Limiti di Favara; Associazione Famiglie persone down delegazione Agrigento; Associazione Crescere insieme di Sciacca; Associazione Aut-Out Onlus di Menfi; Unione Ciechi d’Europa di Agrigento; Associazione italiana assistenza agli spastici sezione di Licata; Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti onlus di Agrigento; Associazione Agape onlus di Sciacca; Associazione libertà terapeutica di Salemi; nonché familiari di persone disabili, verteva sulla richiesta dell’assegno di cura  e la necessità della libertà degli stessi di decidere dove vivere e da chi farsi assistere, garantendo agli stessi pari opportunità.

“Hanno chiesto di potere affermare un diritto della persona, quello di potere scegliere e la decisione che abbiamo preso insieme al Presidente Crocetta è stata un fermo sì” - ha affermato Mariella Lo Bello” L’assegno di cura  – ha sottolineato il vice presidente – è uno strumento che serve a dare ai diversamente abili le stesse possibilità di tutti. Consentirà agli stessi di avvalersi della scelta di un assistente che potrà colmare le difficoltà determinate dalla disabilità.
“Un incontro epocale quello di ieri, afferma la porta voce delle Associazioni presenti ieri Angela Zicari, perché  si inizia un nuovo rapporto basato sulla collaborazione, il dialogo e l’ascolto, strumenti che porteranno  a un cambiamento positivo per la vita dei nostri cari”.

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY