Mafia, procuratore Principato: “Riconosciuto ruolo donne in Cosa nostra”

Redazione

Ultime Notizie

Mafia, procuratore Principato: “Riconosciuto ruolo donne in Cosa nostra”

di Redazione
Pubblicato il Ott 13, 2016

“A lungo cosa nostra ha preteso di presentare le donne come ‘non figure’, ‘non persone’ ma in realta’ hanno sempre svolto un ruolo essenziale per l’organizzazione, non fosse altro per il compito di educare ai disvalori mafiosi i figli fino all’adolescenza, quando poi entrano nella sfera dei padri”. Lo ha detto a Voci del Mattino, su Radio1 Rai, Maria Teresa Principato, procuratore aggiunto di PALERMO, a pochi giorni dalla condanna della sorella del superlatitante Matteo Messina Denaro, della quale e’ stato riconosciuto il ruolo di vertice nella struttura criminale. “A poco a poco – ha aggiunto -, il ruolo delle donne nella mafia non ha piu’ potuto restare silente. Cio’ e’ avvenuto in coincidenza con il fenomeno dei collaboratori di giustizia, quando cosa nostra ha affidato proprio alle donne il compito di venire fuori per maledire quelli che collaboravano. Ma per molto tempo il ruolo delle donne di mafia e’ stato trascurato dai giudici. Basti ricordare che la prima sentenza che riconosce una donna colpevole di associazione mafiosa e’ una sentenza della Cassazione del 2007, quindi molto recente. Prima, le donne erano coperte da impunita’ perche’ non potendo essere ‘cattive’ e non potendo autodeterminarsi – secondo il pensiero di cosa nostra che veniva cosi’ recepito dai magistrati, soprattutto nel meridione, dove il ruolo della donna ha ancora delle caratteristiche particolari – non potendo determinarsi, dunque, non poteva essere colpevole e le sue condotte, seppur criminose, venivano coperte dall’immunita’. Cosi’ e’ stato perfino per le mogli di Provenzano e Riina”


Dal Web


  • Ultime Notizie

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Ultime Notizie

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Ultime Notizie

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Ultime Notizie

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361