Mafia, omicidio nel 1981: prescrizione salva da ergastolo boss di Altofonte

Redazione

Mafia

Mafia, omicidio nel 1981: prescrizione salva da ergastolo boss di Altofonte

di Redazione
Pubblicato il Ott 27, 2016
Mafia, omicidio nel 1981: prescrizione salva da ergastolo boss di Altofonte

La prima sezione della Corte d’Assise d’Appello di Palermo ha prosciolto per prescrizione il boss di Altofonte  Giuseppe Marfia, imputato di essere stato il mandante di un omicidio avvenuto 35 anni fa e in primo grado condannato all’ergastolo.

Proprio il lungo tempo trascorso dall’epoca del delitto, che vide cadere sotto i colpi del killer Gioacchino La Barbera, poi divenuto pentito, Salvatore Cintura, ha portato i giudici a dichiarare la prescrizione.

Questo perche’ e’ caduta l’aggravante della premeditazione e dunque e’ stato possibile ricorrere al meccanismo che cancella il reato per effetto del tempo. Secondo l’accusa, Marfia avrebbe ordinato l’omicidio perche’ Cintura andava a rubare nel cantiere dell’azienda tra Altofonte e Monreale, vicino il capoluogo siciliano, in cui il boss, che  sta gia’ scontando l’ergastolo per altri fatti, faceva da guardiano.

L’omicidio fu il primo commesso da La Barbera e avvenne il 23 maggio del 1981, 11 anni prima della strage di Capaci, in cui lo stesso mafioso di Altofonte ebbe poi un ruolo. Secondo i giudici di appello, che in questo processo hanno cancellato la condanna a vita inflitta all’imputato, Marfia non avrebbe chiesto di uccidere Cintura, ma soltanto di impedirgli di continuare a commettere furti nel cantiere.


Dal Web


  • Mafia

    Operazione Montagna, l’intervista al colonnello Giovanni Pellegrino

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/lAATr-r11Ss..

    Continua a Leggere

  • Mafia

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Mafia

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Mafia

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Mafia

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Mafia

    Incidente mortale tra Aragona e Favara, agrigentino assolto da accuse

    Pubblicato il 22 01 2018

    “Assolto perché il fatto non costituisce reato”: è il dispositivo della sentenza pronunciato dalla VI Sezione Penale della Corte di Appello di Palermo nei confronti di M.C., che in primo grado aveva subito una condanna dal Tribunale di Agrigento a 9 mesi di reclusione. L’uomo era stato riten..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361