Agrigento

Agrigento, ragazzino morto annegato nel mare di San Leone: chiesto processo per due persone

La Procura della Repubblica di Agrigento, attraverso il pm Andrea Delpini, ha chiesto il rinvio a giudizio per i gestori della comunità per minori di Cannatello dove era alloggiato il ragazzino di 12 anni, nato in Egitto, rinvenuto cadavere nel mare di San Leone e morto per annegamento. L’ipotesi di reato è omicidio colposo. Gli indagati: Angelo Romano, 44 anni, di Palma di Montechiaro, e Clara D’Agostino, 28 anni, di Naro. Sono i responsabili della comunità per minori di Cannatello, ad Agrigento

, Il fatto luttuoso accadde il 2 ottobre dello scorso anno. Il ragazzino si era allontanato, insieme ad altri quattro coetanei, contravvenendo all’ordine di non uscire dalla struttura, per andare andare a giocare a calcio. Quando il dodicenne si accorse di essersi sporcato si allontanò verso il mare e non fu piu visto dai compagni.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Most Popular

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top