Licata assurda e abbandonata

Licata assurda e abbandonata

Condividi
Licata dopo il nubifragio

Una città in pieno disfacimento: fisico e morale.

Rivederla, ad ogni autunno e alle sue prime piogge, puntualmente in questo stato dalla Plaia a piazza Gondar, come la caricatura tragica d’una Venezia senza gondole, grida indignazione contro le nostre classi dirigenti degli ultimi trent’anni almeno – e potremmo magari andare oltre. Senza tuttavia esimerci da responsabilità nostre, di cittadini elettori.

Gli amministratori di Licata li abbiamo eletti e rieletti noi per lunghi anni. Chiudendo gli occhi sullo sfascio urbano di una città che si sviluppava in modo abnorme e sbagliato, cambiandone la fisionomia e oltraggiandone il territorio, perlopiù cosparso di costruzioni abusive, alcune sanate e altre no. Nell’ambiente urbano come in quello delle coste e delle colline. Prendiamoci i danni ora. Come ce li siamo presi in passato, con i vari stati di calamità naturali dichiarati.

È assurdo: tutte le volte che piove dobbiamo assistere a scene da Sos generale per non annegare nell’acqua e nel fango. Ed è anche assurdo che, in tutto questo tempo, non sia stato trovato rimedio ai danni causati dalle classi politiche del passato; che non si sia mai aperto un dibattito pubblico, un’inchiesta consiliare, e non ci sia mai stata un’iniziativa dei cittadini di buon senso sulle responsabilità amministrative nella storia di questa città.

Le fognature otturate, le fognature inadeguate (o del tutto inesistenti) a far fronte alle piogge copiose per impedire gli allagamenti di molte zone e quartieri nevralgici sono ormai un problema. Storico sì, ma oggi prioritario. Per cui, se Licata è così da tempo, ciò non vuol dire che così deve rimanere. E noi non abbiamo ancora visto alcun programma politico di un candidato sindaco che proponga come affrontare il problema fognario a Licata. Come risolverlo.

Non sono casi isolati purtroppo quelli dei danni di cui abbiamo notizia – di famiglie evacuate dalle proprie abitazioni. Non sono immagini – quelle del Fondachello e di piazza Gondar, ora anche di corso Serrovira, via Palma e del quartiere Africano – che vediamo per la prima volta. Eppure, continuiamo a guardarle e a proporci di migliorare (come pure è giusto) la superficie della città. Senza mai scendere sotto, in profondità, e considerare che molti dei suoi guai vengono dalle fognature inefficienti, da quei sotterranei in cui per tanti anni s’è come nascosta la sua (nostra) storia pubblica.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *