Grotte, stalkerizza collega tabaccaio “rivale in amore”: ieri perizia in aula

Redazione

PRIMO PIANO

Grotte, stalkerizza collega tabaccaio “rivale in amore”: ieri perizia in aula

di Redazione
Pubblicato il Gen 17, 2017
Grotte, stalkerizza collega tabaccaio “rivale in amore”: ieri perizia in aula

La vicenda riguarda una presunta relazione avuta in passato tra un tabaccaio di Grotte, Roberto Chiarenza di 51 anni, ed una donna romena. 

Quest’ultima, una volta finita la relazione con il Chiarenza, ne avrebbe intrapresa un’altra con un collega, un altro tabaccaio del paese. Chiarenza avrebbe perseguitato la donna con l’invio di messaggi e fotografie.

La parte civile è il protese Alfonso Diliberto, assistito dall’avvocato Gianluca Cucchiara. 

In aula, ieri mattina, il perito Lorenzo Messina, chiamato a stabilire con apposita perizia se il Chiarenza sia capace di intendere e di volere in merito ai quattro capi di imputazione che pendono su di lui: minacce, stalking, ingiurie e molestie.

Il perito ha definito Chiarenza “affetto da disturbo delirante, con mania di persecuzione, delirio di innamoramento per la donna”. E’ incapace di intendere e di volere per quanto concerne i fatti che gli vengono contestati ma per il resto appare normale”.


Dal Web


  • PRIMO PIANO

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • PRIMO PIANO

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • PRIMO PIANO

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • PRIMO PIANO

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361