Licata, mini arsenale in casa, un fratello patteggia, l’altro no

Redazione

Licata

Licata, mini arsenale in casa, un fratello patteggia, l’altro no

di Redazione
Pubblicato il Lug 6, 2017
Licata, mini arsenale in casa, un fratello patteggia, l’altro no

“Processate Angelo e Mario Incorvaia”. E’ la richiesta della Procura della Repubblica di Agrigento che chiede il rinvio a giudizio per i due fratelli di Licata, rispettivamente di 23 e 20 anni, accusati di ricettazione, detenzione illegale di arma comune da sparo e clandestina, possesso illegale di munizioni. Lo scorso hanno gli Incorvaia, a seguito di attività investigativa del Commissariato di polizia licatese, e dei colleghi della Squadra Mobile di Agrigento, con servizi di monitoraggio di soggetti sospettati di detenere armi e munizioni, scoprirono un mini arsenale in una abitazione nella disponibilità dei due fratelli. Tra il materiale rinvenuto, una pistola con matricola abrasa, un proiettile, un caricatore con 9 cartucce inserite e altro munizionamento. Nel corso dell’udienza dell’altro ieri uno dei due fratelli Incorvaia, Angelo, ha presentato richiesta di patteggiamento della pena a un anno e 10 mesi, mentre l’altro fratello, Mario, andrà avanti con il rito ordinario. Nei prossimi giorni la decisione del Tribunale.

mi-piace

Loading…


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361