Favara, trovati in possesso di pistole e proiettili: i Bellavia restano in carcere

Redazione

Favara

Favara, trovati in possesso di pistole e proiettili: i Bellavia restano in carcere

di Redazione
Pubblicato il Lug 11, 2017
Favara, trovati in possesso di pistole e proiettili: i Bellavia restano in carcere

Il Tribunale del Riesame di Palermo ha rigettato le istanze degli avvocati difensori Antonio Bellavia, 44 anni, e Calogero Bellavia, 27 anni, entrambi di Favara, arrestati nel mese di giugno scorso per i reati di detenzione e porto illegale di arma clandestina e munizioni e per il reato di ricettazione dai carabinieri della Tenenza di Favara e del Nucleo Operativo e Radiomobile di Agrigento

Gli stessi, a seguito di un controllo stradale, sono stati trovati in possesso – rispettivamente – di una pistola “Smith e Wesson” calibro 38 special con matricola abrasa e con all’interno del tamburo 5 colpi, e di una pistola “Taurus” modello “Tracker” calibro 357 magnum con all’interno 7 cartucce. Quest’ultimo revolver risulta essere provento di furto. Le armi furono sequestrate.

Calogero Bellavia, figlio di Carmelo Bellavia – ucciso nel gennaio 2015 – fu il giovane pedinato e seguito per arrivare alla cattura del boss Gerlandino Messina il 23 ottobre 2010.

Una delle due armi risulta essere stata rubata a carmelo Nicotra, il 35, anche lui di Favara, ferito nell’agguato di via Torino e sfuggito a una pioggia di proiettili sparigli contro da killers, il 23 maggio scorso, che avevano l’intenzione di ucciderlo. Dunque un vero e proprio intreccio di una matassa che gli investigatori, nel massimo riserbo, stanno cercando di sciogliere.

mi-piace

Loading…


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361