Migranti, arcivescovo Agrigento: “Da politica proclami non soluzioni”

Redazione

Agrigento

Migranti, arcivescovo Agrigento: “Da politica proclami non soluzioni”

di Redazione
Pubblicato il Lug 14, 2017
Migranti, arcivescovo Agrigento: “Da politica proclami non soluzioni”

“Devo dire che secondo quello che stiamo vedendo in questi tempi la collaborazione tra le diverse forze politiche non mi sembra facile da raggiungere. Ognuno fa il suo proclama, ognuno pensa che il suo proclama sia quello giusto, ma di fatto non si trovano ancora soluzioni”. Lo ha affermato a Radio Vaticana, il cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento e presidente della Commissione Cei per la Carita’. “Quando vediamo che gli Stati si sono impegnati ad aiutare quelle nazioni che sono in poverta’, i Paesi in via sviluppo come avevano promesso, ma tolgono sempre del denaro, mi fa restare perplesso su come ora improvvisamente tutti sono d’accordo sul come fare, quando fare e se fare – aggiunge il cardinale – in concreto ancora non si e’ visto niente solo grida a destra, a sinistra, al centro, ma gridando non si risolvono i problemi”. Sullo ius soli secondo l’arcivescovo di Agrigento “se non finisce la rabbia dentro riguardo questo problema qualunque soluzione avra’ sempre delle posizioni contrarie e non disponibili ad affrontare quello che si vorrebbe affrontare. Ora si dice: per lo ius soli stiamo attenti perche’ se lo facciamo adesso c’e’ tutto questo flusso di migranti, la gente puo’ spaventarsi e si possono perdere dei voti. Questi ragionamenti sono cosi’ contorti, cosi’ inverosimili, ma cosi’ di parte, che ti dicono che i problemi degli uomini non vengono per niente affrontati – conclude il cardinale – gridare dal balcone e’ facile, ma scendere per strada e’ la cosa piu’ difficile eppure e’ la cosa piu’ necessaria”.


Dal Web


  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361