Agrigento, opera abusiva a San Leone: donna vince ricorso al Tar su indennità risarcitoria

Redazione

Agrigento

Agrigento, opera abusiva a San Leone: donna vince ricorso al Tar su indennità risarcitoria

di Redazione
Pubblicato il Lug 26, 2017
Agrigento, opera abusiva a San Leone: donna vince ricorso al Tar su indennità risarcitoria

Importante sentenza del Tar di Palermo sez prima –  del 26.07.2017 sulla tematica dell’indennità per “danno ambientale”, il cui pagamento è stato richiesto a numerosi cittadini Agrigentini  a seguito della presentazione dell’istanza di sanatoria edilizia .

  Il Tar  di Palermo, chiamato a pronunziarsi a seguito di un ricorso  di una cittadina A.M.L  di Agrigento,  in merito all’indennità risarcitoria richiesta dalla Regione Sicilia per il danno arrecato al paesaggio  (nel comune di Agrigento frazione di S Leone ) a seguito di opere abusive oggetto di istanza di sanatoria edilizia rilasciata alla  ricorrente  , ha accolto le argomentazioni difensive dell’Avvocato Alfonso Tuttolomondo, affermando ancora una volta il principio secondo il quale “l’indennità prevista per abusi edili in zone soggette a vincoli paesaggistici costituisce una vera e propria sanzione amministrativa (e non una forma di risarcimento del danno ) , che come tale , prescinde dalla sussistenza effettiva di un danno ambientale.

 Conclude la Corte  che  affermata la pacifica applicabilità anche a tale sanzione del principio contenuto nell’art 28 della l.n 689/81 , secondo cui il diritto a riscuotere le somme dovute per violazioni amministrative punite con pena pecuniaria , tale diritto da parte della Pubblica Amministrazione si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui e’ stata commessa la violazione .

 Sulla base di tale principio il Tar  con sentenza in forma semplificata, c.d. Sentenza “breve ha annullato la ingente sanzione amministrativa comminata  alla ricorrente dalla Regione Siciliana Assessorato Beni Culturali .  

 L’avvocato Alfonso Tuttolomondo ha altresi’ sottolineato  nelle sue difese che tale circostanza era ben nota alla Regione Siciliana e per tale motivo avrebbe dovuto astenersi dall’inviare alla ricorrente sanzioni non dovute, ebbene , anche tale  puntualizzazione e’ stata   fata propria dal TRIBUNALE AMMINSTRATIVO REGIONALE  che ha disposto la trasmissione di copia della sentenza alla “ Procura preso le Sezioni Giurisdizionali della Corte dei conti per la Regione Siciliana”  per le conseguenze del caso “ condannando altresi’ l’amministrazione resistente alle spese legali .


Dal Web


  • Agrigento

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361