Blitz “Tiro mancino”, 13 kg di cocaina, rifornito mercato dell’agrigentino: 21 condanne

Redazione

Agrigento

Blitz “Tiro mancino”, 13 kg di cocaina, rifornito mercato dell’agrigentino: 21 condanne

di Redazione
Pubblicato il Lug 29, 2017
Blitz “Tiro mancino”, 13 kg di cocaina, rifornito mercato dell’agrigentino: 21 condanne

L’operazione denominata “Tiro mancino” e condotta dalla sezione antidroga della squadra mobile di Palermo, che a luglio dello scorso anno porto’ all’arresto di 24 persone tra Napoli e Palermo, ha avuto come esito giudiziario 21 condanne, in abbreviato, davanti al Gup del capoluogo siciliano Gabriella Natale, che ha inflitto complessivamente quasi un secolo e mezzo di carcere; i pm Siro De Flammisin, Bruno Brucoli e Amelia Luise avevano chiesto due secoli. Lo scrive stamane la stampa locale. L’indagine ha portato alla scoperta di traffico e spaccio di droga tra Palermo e Napoli, con il sequestro, in diverse operazioni, di 13 chili di cocaina, un chilo di marijuana, 700 grammi di cocaina e 425 chili di hashish, stupefacenti destinati a rifornire alcune citta’ delle province di Palermo, Trapani ed Agrigento: Villabate, Marsala, Mazara del Vallo, Alcamo Castellammare del Golfo e Palma di Montechiaro. Tre le assoluzioni parziali: Giuseppe Tumminia, Gaetano Leto e Gaetano Matuozzo. I napoletani condannati sono Ferdinando Matuozzo e Ciro Spasiano; i palermitani sono Antonino Abbate che ha avuto la pena piu’ alta, 16 anni, ed e’ il nipote di Luigi, detto ‘Gino u Mitra’; Giovanni Battista Di Giovanni (8 anni), fratello dei capimafia di Porta Nuova Gregorio e Tommaso; Giuseppe Tumminia (14 anni e otto mesi); Mario Mancino (12 anni); Mario Marretta (12 anni); Benito Eros Culotta (10 anni); Luigi parolisi (9 anni e 4 mesi); Antonio Barbera (8 anni); Gaetano Leto (6 anni e 8 mesi); Gaetano Giunta (4 anni); Fabrizio Alfano (3 anni e 4 mesi); Giuseppe Bronte (2 anni e 8 mesi); Gaetano Ferrara (2 anni); Pietro Rubino (2 anni); Marco Bardi (1 anno e 4 mesi); Domenico Capoccia (1 anno). Tre di Villabate (Palermo) sono stati rinviati a giudizio con rito ordinario: Francesco Antonio Fumuso, il figlio Antonino e il cugino Angelo Maurizio.


Dal Web


  • Agrigento

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361