Acqua: presidente Amap Palermo, 30% allacci in citta’ abusivi

Redazione

ultime brevi

Acqua: presidente Amap Palermo, 30% allacci in citta’ abusivi

di Redazione
Pubblicato il Lug 6, 2017

“Non si perde il 50% di acqua per l’ usura delle condutture; forse se ne potra’ perdere per questo motivo il 20%, l’altro 30% sono allacci abusivi che persistono anche in piantagioni vicine alla citta’”. A dirlo il presidente dell’Amap, Maria Prestigiacomo, denunciando una evidente situazione di illegalita’ nella distribuzione dell’acqua in citta’. “Pesa inoltre fortemente la situazione delle case popolari dello Iacp, occupate abusivamente che non possono per legge avere un regolare contratto con l’ Amap – aggiunge – ho fatto fare degli studi per regolarizzare questa situazione. Eroghiamo cosi’ acqua che non possiamo conteggiare”. Secondo Prestigiacomo, si sarebbe dunque consolidata una prassi secondo la quale gli inquilini che hanno occupato abusivamente le case dello Iacp non possono regolarizzare i consumi dell’acqua perche’ per legge non possono essere titolari di contratti. “E’ un aspetto di illegalita’ non voluta dagli utenti, ma da una legge nazionale che tutela i legittimi proprietari e le case. C’e’ una norma specifica che occorre contrastare al piu’ presto anche con una legge regionale in modo di ottenere una soluzione. Stiamo valutando. Quel che e’ certo e’ che all’Amap questo sistema arreca un danno economico notevole. Non voglio aggiungere altro, ma so che in certi quartieri gli utenti l’acqua la pagano, ma non sappiamo a chi”, spiega. Il contenzioso in corso tra Amap e Iacp e’ in chiusura riguardo al debito dell’ente case popolari che deve all’ Amap oltre un milione di euro: “Abbiamo fatto il bando per fare la cessione ad una banca, vediamo quale istituto di credito si fara’ avanti”.


Dal Web


  • ultime brevi

    Operazione Montagna, l’intervista al colonnello Giovanni Pellegrino

    di Diego Romeo
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/lAATr-r11Ss..

    Continua a Leggere

  • ultime brevi

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • ultime brevi

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • ultime brevi

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • ultime brevi

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • ultime brevi

    Incidente mortale tra Aragona e Favara, agrigentino assolto da accuse

    Pubblicato il 22 01 2018

    “Assolto perché il fatto non costituisce reato”: è il dispositivo della sentenza pronunciato dalla VI Sezione Penale della Corte di Appello di Palermo nei confronti di M.C., che in primo grado aveva subito una condanna dal Tribunale di Agrigento a 9 mesi di reclusione. L’uomo era stato riten..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361