Giudiziaria

Aggredirono bidello che poi morì: tre condanne definitive

di Redazione
Pubblicato il Mag 4, 2016

La Cassazione ha confermato le condanne a sei anni e otto mesi ciascuno per omicidio preterintenzionale per Salvatore La Puma, Carmelo e Simone Donato. Gli imputati sono accusati di aver provocato la morte di Giuseppe Rappa, un bidello di Giardinello (PALERMO) ferito a morte durante la festa del SS Crocifisso, tenuta nel paese nell’agosto 2008 e morto agli inizi di ottobre dello stesso anno. Secondo la ricostruzione dell’accusa, Rappa venne aggredito a calci e pugni per avere messo in dubbio la legittimita’ di una “riffa”, una lotteria di paese in cui era in palio un pony. L’uomo sarebbe stato aggredito dai componenti della famiglia Donato e da La Puma. Il processo era tornato nel 2014 in appello dopo il rinvio della Cassazione che aveva annullato la prima sentenza di secondo grado perche’ non erano state risentite le persone offese. Oggi la conferma della seconda sentenza d’appello. La famiglia Rappa e’ assistita dall’avvocato Bartolomeo Parrino.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361