Agricoltori in piazza contro il “caro acqua”: manifestazione a Gela

Redazione

Caltanissetta

Agricoltori in piazza contro il “caro acqua”: manifestazione a Gela

di Redazione
Pubblicato il Feb 4, 2016
Agricoltori in piazza contro il “caro acqua”: manifestazione a Gela

Agricoltori in piazza, stamani, a Gela, contro il caro-acqua da irrigazione, il ripristino delle dighe Comunelli, Disueri e Cimia, per l’abbattimento dell’Imu sui i terreni agricoli e per la dichiarazione di calamita’ naturale a causa della siccita’ di questi mesi. Guidati dai sindacati di categoria, Unsic e Upa, i contadini gelesi sfilano in corteo con i loro mezzi agricoli, da via Palazzi a Piazza Umberto e poi a Piazza Municipio, esprimendo nel contempo, sostegno ai lavoratori del petrolchimico Eni, in lotta da 17 giorni per il rispetto del protocollo d’intesa cui sono legati la riconversione “green” della raffineria, le bonifiche e il rilancio economico del Gelese. Chimici, metalmeccanici, edili e maestranze dei servizi, con le bandiere dei sindacati confederali, hanno ricambiato la solidarieta’, aggregandosi a centinaia al corteo degli agricoltori, la cui manifestazione e’ considerata un momento della piu’ ampia “Vertenza-Gela” per l’occupazione e lo sviluppo. La protesta dei contadini e’ scattata a seguito dell’aumento del 50% delle tariffe dell’acqua (da 15 a 22 euro l’ora) imposto dal consorzio di bonifica n.5, dopo che la Regione ha deciso di azzerare, da qui al 2020, i contributi irrigui, ponendo i costi interamente a carico dei consorziati. Al governatore Rosario Crocetta chiedono la modifica della legge, avvertendo che “continuando cosi’ si rischia la chiusura del consorzio e l’abbandono delle terre” la cui produzione, quest’anno, e’ crollata dell’80% per la siccita’. Il corteo degli agricoltori, dopo una sosta in piazza Umberto, raggiungera’ il municipio per incontrare una delegazione dei sindaci del comprensorio ai quali presentare la piattaforma rivendicativa con i provvedimenti che vorrebbero fossero adottati dai comuni (abbattimento dell’Imu e dichiarazione dello stato di calamita’).


Dal Web


  • Caltanissetta

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Caltanissetta

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Caltanissetta

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Caltanissetta

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361