Agrigentina di 42 anni muore in incidente, suoi organi salvano quattro vite

Agrigentina di 42 anni muore in incidente, suoi organi salvano quattro vite

Condividi

Una vita che si spegne e altre quattro che trovano, invece, la salvezza. Prelievo degli organi questa notte all’ospedale Villa Sofia di Palerrmo. Protagonista una donna di 42 anni, residente a Santa Margherita Belice (Agrigento), vittima di una grave emorragia cerebrale in seguito a un aneurisma, deceduta nel reparto di Anestesia e Rianimazione 1, diretto da Antonio Iacono. I familiari hanno dato l’assenso al prelievo degli organi ed è scattata la procedura prevista in questi casi, in accordo con il Centro regionale trapianti. E’ stata attivata l’Unità operativa di Neurorianimazione, diretta da Paolino Savatteri, e si è proceduto all’accertamento di morte cerebrale. In nottata poi l’intervento vero e proprio in sala operatoria da parte di un’equipe di medici dell’Ismett, supportata dai medici di Villa Sofia-Cervello.

Si è proceduto al prelievo di reni e fegato. Per il fegato è stato effettuato lo split, cioè la divisione in due parti, e, quindi, andrà a due riceventi diversi, entrambi di Bergamo, un adulto in regime di urgenza nazionale e un bambino. I due reni sono andati, invece, al Policlinico di Catania e all’Ismett di Palermo. “L’Azienda Villa Sofia Cervello – sottolineano i direttori generale e sanitario, Gervasio Venuti e Giovanni Bavetta – in sintonia con il Centro regionale TRAPIANTI è impegnata per sostenere e incrementare l’attività di donazione e prelievo organi, un settore di grande rilevanza sociale e medica nel campo della sanità siciliana

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *