Agrigento, 24 agosto 2015, ore 9.00: ruspe in azione nella Valle dei...

Agrigento, 24 agosto 2015, ore 9.00: ruspe in azione nella Valle dei Templi

937 views
0
SHARE

Demolizione casa abusiva ad Agrigento
Demolizione casa abusiva ad Agrigento
Demolizione casa abusiva ad Agrigento
Demolizione casa abusiva ad Agrigento
Demolizione casa abusiva ad Agrigento
Demolizione casa abusiva ad Agrigento

E’ scattata l’ora X: le ruspe hanno iniziato la marcia verso Agrigento e la Valle dei Templi.

Demolizione casa abusiva ad Agrigento
Demolizione casa abusiva ad Agrigento
La protesta della gente nel 2001
La protesta della gente nel 2001
Le demolizioni di Agrigento nel 2001, forze dell'ordine a Poggio Muscello
Le demolizioni di Agrigento nel 2001, forze dell’ordine a Poggio Muscello

Oggi alle 9 comincerà la demolizione dei manufatti abusivi che insistono nel perimetro della Valle dei templi. Alle 7 polizia, carabinieri, Guardia di finanza, Polizia locale e Polizia giudiziaria alle dirette dipendenze della Procura di Agrigento (procuratore Di Natale, aggiunto Fonzo, sostituto Carlo Cinque) si raduneranno davanti la caserma dei Carabinieri di Villaggio Mosè e da lì, accompagnando i mezzi della ditta di Palma di Montechiaro che si è aggiudicato l’appalto per eseguire le opere di demolizione, si recheranno nella vicina zona di Poggio Muscello, la stessa interessata dagli abbattimenti del 2001, per procedere a buttar giù manufatti, ovili e quanto previsto da una prima scaletta (determinata dall’anzianità della sentenza che impone di abbattere). I lavori saranno effettuati dall’Impresa edile stradale Capobianco Giuseppe di Palma di Montechiaro per un importo netto contrattuale di euro 66 262,72. Si tratta in totale di otto immobili che saranno oggetto di un primo intervento di demolizione per una spesa complessiva, compresi oneri e imprevisti, pari a 115 mila euro e riguardano i manufatti di contrada Poggio Muscello (3 immobili); contrada Cugno Vela; via degli Imperatori; via Afrodite (2 immobili) contrada Maddalusa.
Si comincerà da una casa che risulta abitata e già si preannuncia battaglia legale. Gli avvocati che assistono i proprietari dell’immobile, Roberto Gambino e Giacomo La Russa, preannunciano battaglia legale e minacciano di far intervenire l’Autorità giudiziaria. Insomma, si prevedono momenti di tensione come avvenuto esattamente nel 2001. Vicende rievocate da un bell’articolo di Alfonsa Butticè su Agrigentotv: Era il 16 gennaio 2001, martedì, e Agrigento si svegliava assediata dai mezzi del Genio Militare. Una città in guerra, la guerra contro l’abusivismo edilizio e la dimostrazione dello Stato di aver vinto. In via Poggio Muscello, erano 6 tra scheletri e abitazioni complete che sono diventate materiale di risulta. Tre lunghi giorni di demolizioni avvenute sotto gli occhi dei proprietari che con proteste, riunioni, urla, pianti, malori, avevano protetto le loro case facendo scudo con i loro corpi. Ma le ruspe vinsero la battaglia e quelle case della “zona A”, i proprietari li videro ridotte in un cumulo di macerie. 748 villette, nel raggio di 1200 ettari di terreno dalle colonne doriche dei Templi. Una zona sottoposta a vincolo di inedificabilità assoluta e che invece tra il 1970 e il 1989 ha visto dare luce al 90 per cento delle abitazioni costruite fuorilegge. Il primo abbattimento avvenne il 20 marzo del 2000, quando fu demolito un immobile, il cosiddetto immobile Piparo, una costruzione di 60 metri per 40, che ha ospitato per anni una concessionaria Mercedes e che da sei era proprietà dello Stato, dopo la confisca al titolare.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *