Agrigento, a proposito di rigassificatore e la cacciata di Arnone (video)

Agrigento, a proposito di rigassificatore e la cacciata di Arnone (video)

299 views
0
SHARE
Il Consiglio comunale di Agriogento appena insediato

Scriveva ieri per Grandangolo online a margine della seduta d’esordio del Consiglio comunale di Agrigento, il nostro condirettore, Diego Romeo: “Quando Giuseppe Arnone mi vede arrivare in piazza Municipio si mette a sbraitare: ”Romeo, al Posta Vecchia faremo uno spettacolo teatrale sui giudici della Procura”. Uno dei due striscioni che ha portato in visione è ancora a terra come uno strofinaccio  ma il numero dei suoi adepti è talmente esiguo che non riesce a trovare chi possa sorreggerne i lembi….” “…Giuseppe Arnone intanto ha trovato un varco tra il pubblico accorso numeroso in Aula e mentre parla Marco Vullo lo imbecca a voce alta ricordandogli la gettonopoli. Vullo non si interrompe richiede l’intervento delle forze dell’ordine e Arnone viene accompagnato fuori dall’Aula” (guardate il video postato su fb da Salvatore Barresi).

La parola chiave che ha scatenato la bagarre è questa: rigassificatore.

Notoriamente, e lo sanno anche le pietre, non condividiamo alcuna delle posizioni politiche o pseudo tali di Arnone. Sapete bene come la pensiamo e con i nostri lettori siamo stati onesti: da anni scriviamo che Arnone non ci convince e molto altro.

Anche ieri non ci ha convinto. E lo scriviamo apertamente.

Ma, una cosa sul rigassificatore vogliamo dirla: Grandangolo in questi anni si è speso per impedire la costruzione dell’eco-mostro. E lo ha fatto mostrando la faccia.

Grandangolo è contrario certamente con riferimento all’ubicazione. Di tutto il resto possiamo anche discuterne. Comunque, è contrario. E resta contrario.

In assoluta solitudine vi abbiamo raccontato dell’inchiesta antimafia che avvolge l’intera vicenda. Abbiamo messo nomi, cognomi, fatti. Poi, ci hanno copiato (dopo molto tempo) e qualcuno indica oggi in altre testate la genesi di tutta la storia. Ci dispiace ma andiamo avanti uguale.

Oggi vogliamo ribadire la nostra posizione: siamo contrari e pur pubblicando – come vuole la deontologia – chi non pensa come noi, continuiamo ad affermare che il rigassificatore così come è stato concepito, non ci piace.

Per dirla ancora meglio, non condividiamo le posizioni assunte da Claudia Casa e da Mimmo Fontana. Per molto meno, in passato, quando erano ancora in sintonia con Arnone, hanno messo a soqquadro – complice una tv di arrestati per mafia – la coscienza civile dell’opinione pubblica invocando manette, processi e dimissioni.

Paradossalmente oggi siamo più vicini alle posizioni di Arnone (ma è solo un modo di dire in quanto oggi è Arnone in sintonia con le nostre posizioni) che a quella dei sostenitori di Lillo Firetto (ecco, appunto: anche Arnone ha, in passato, pubblicamente sostenuto Firetto). Detto questo promettiamo il nostro impegno civile sulla questione rigassificatore.

Soprattutto puntiamo anche sull’impegno civile di Firetto, Casa e Fontana che su questo tema continuano a dire senza non dire. Una melina senza fine, mai una parola chiara.

E noi stiamo qui, a guardare, attenti e incisivi. Non vi faremo mancare nulla. Per quanto può valere, non retrocederemo di un passo.

Andiamo avanti.

 

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *