Apertura

Agrigento, accusato di estorsione: arrestato l’imprenditore Fabrizio La Gaipa: era candidato con il M5S alle Regionali

La polizia arresta Fabrizio La Gaipa, imprenditore agrigentino di 42anni con l’accusa di estorsione ai danni di due dipendenti: avrebbe fatto firmare buste paga false, ossia percepire un salario inferiore rispetto a quanto indicato in busta paga, pena il licenziamento.

La Gaipa, che è proprietario di un rinomato Hotel ad Agrigento, è anche stato candidato con il Movimento Cinque Stelle nell’ultima tornata elettorale risultando il primo dei non eletti.

La Gaipa con Di Battista, Cancelleri e Di Maio

Gli agenti della Squadra Mobile di Agrigento – guidati da Giovanni Minardi – hanno arrestato su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica Carlo Cinque – con l’accusa di estorsione – Fabrizio La Gaipa, 42 anni, noto imprenditore di Agrigento, candidato alle ultime regionali con il Movimento Cinque Stelle risultando il primo dei non eletti nella provincia di Agrigento. La Gaipa si trova adesso agli arresti domiciliari.

La vicenda si articola all’interno dell’ambito lavorativo, quello turistico, di La Gaipa: quest’ultimo , già presidente del Consorzio Turistico Valle dei Templi, è anche proprietario dell’Hotel Costazzurra Museum & Spa, uno dei primi archeo-hotel del mondo nella zona balneare di San Leone: sono infatti due dipendenti della struttura che avrebbero denunciato di aver percepito stipendi diversi e molto inferiori rispetto a quanto indicato sulla busta paga. Da qui l’ipotesi di estorsione. Coinvolto anche il fratello di Fabrizio La Gaipa, Salvatore, 46 anni: per lui la Procura ha predisposto il divieto di dimora ad Agrigento.

La Gaipa – nella tornata elettorale di dieci giorni addietro – ha ottenuto 4357 preferenze non riuscendo però a conquistare lo scranno di Sala d’Ercole preceduto dai pentastellati Mangiacavallo e Di Caro.

Prime reazioni intanto dal mondo politico: la leader di Fratelli di Italia, Giorgia Meloni, intervistata da Rtl ha dichiarato: Il “M5S ha fatto una campagna elettorale tutta su questo tema e si è scoperto che poi i più impresentabili erano loro, che hanno avuto un arrestato per estorsione – questa mattina- primo dei non eletti ad Agrigento – ed un altro che è finito su tutti i giornali per essere stato il paladino dell’antiabusivismo essere stato indagato per abusivismo, con riferimento ovviamente all’ex sindaco di Licata e designato assessore dei cinque stelle, Angelo Cambiano.

 

Da qui l’ipotesi di estorsione.

(in aggiornamento)

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top