Agrigento

Agrigento, confiscati beni per 500.000 euro a Andrea Puntorno, capo ultrà Juve

di Redazione
Pubblicato il Apr 5, 2016
Agrigento, confiscati beni per 500.000 euro a Andrea Puntorno, capo ultrà Juve

Confiscati beni per mezzo milione di euro a un capo ultras della Juventus. A notificare il provvedimento i carabinieri di Torino in collaborazione con quelli di Agrigento, dove Andrea Puntorno, così si chiama l’ultras, e’ attualmente sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora. Al leader dei ‘Bravi ragazzi’, arrestato nel novembre 2014 per traffico internazionale di droga, sono stati confiscati due immobili, uno a Torino e uno ad Agrigento, oltre ad una moto di grossa cilindrata. Gli inquirenti hanno accertato la sproporzione tra reddito dichiarato e patrimonio posseduto da Puntorno e dal suo nucleo familiare. Il possesso dei tre beni èquindi risultto ingiustificato. Il provvedimento è complementare alle attività investigative inerenti al traffico di droga (novembre 2014) e all’estorsione (giugno 2015) di cui deve rispondere Puntorno.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361