Agrigento e dintorni … e le donne sposano ancora gli uomini (foto...

Agrigento e dintorni … e le donne sposano ancora gli uomini (foto di Diego Romeo)

0
SHARE
Il moderatore Enzo Alessi con Pascal Schembri e Giusi Terrasi

Angelo Leone  collaboratore del Caffè Letterario
Angelo Leone collaboratore del Caffè Letterario
Giusi Terrasi collaboratrice del Caffè Letterario
Giusi Terrasi collaboratrice del Caffè Letterario
Credo si rimanga sconcertati, perlomeno, a leggere o a sentire presentazioni di libri come questo “Femminicidio” di Pascal Schembri in cartellone al Caffè letterario “Sulla strada della legalità”. Promosso dal questore di Agrigento Mario Finocchiaro e da Fabio Fabiano presidente dell’Associazione Emanuela Loi il “Caffè” è affidato alla presentazione di Enzo Alessi che ci ha fatto conoscere molto da vicino il mondo degli scrittori-poliziotti, dei loro problemi e anche dei nostri che riescono a caricarsi sul groppone con abnegazione e talora con una buona dose di eroismo spesso celato tra le pieghe della cronaca. Peggio ancora, del necessario riserbo che la professione comporta. La puntata del 31 luglio ci trasporta all’interno del libro di Pascal Schembri, “Femminicidio” che raccoglie casi di violenza straordinaria dove l’uomo è messo all’angolo senza via d’uscita, con le donne vittime sacrificali della violenza maschile. Uno sconcerto, dicevamo. E ci viene da chiedersi perché le donne continuano a sposare gli uomini (e viceversa)?
Il poeta Enzo Argento
Il poeta Enzo Argento
Il questore Finocchiaro
Il questore Finocchiaro
La cantante Sara Chianetta
La cantante Sara Chianetta
La terrazza dello stabilimento balneare a San Leone
La terrazza dello stabilimento balneare a San Leone
La terrazza dello stabilimento balneare a San Leone
La terrazza dello stabilimento balneare a San Leone

Un interrogativo che ci sentiamo autorizzati a fare dallo stesso Schembri che in un suo primo libro edito a Parigi nel 2006, dove vive, si chiede nel titolo: ”Pourquoi les hommes frappent les femmess”. Titolo tradotto in italiano nel 2007 per le edizioni Sovera di Roma con “Perché gli uomini picchiano le donne”. In questo ultimo “Femminicidio” Schembri come sottotitolo inserisce un consolante “loro si sono salvate” isolando così in uno sparuto gruppetto quello che di controcanto rappresenta una violenza globale, recidiva e con risposte che comprendono le sfaccettature più svariate.
L'attrice Giusi Carreca
L’attrice Giusi Carreca
L'attrice Ilaria Bordenga
L’attrice Ilaria Bordenga
Laura Romano
Laura Romano

Di risposte se ne sono avute alcune all’interno della presentazione del libro che ha coinvolto molto significativamente le letture non solo di attrici come Giusi Carreca e Ilaria Bordenga ma anche funzionarie di polizia (Laura Romano e Patrizia Pagano) che nella lettura di episodi caustici non sono state da meno delle attrici suddette. Il coinvolgimento ha toccato anche il poeta dialettale Enzo Argento che ha dedicato una sua poesia alla giovane di Raffadali assassinata alcuni anni fa dal suo fidanzato. Sono stati momenti di intensa emozione per i genitori della ragazza che hanno voluto partecipare a questo “Caffè Letterario” e anche per l’appropriata colonna sonora di Schubert e di Gounod eseguita da Sara Chianetta. Presenti anche i responsabili di Telefono aiuto e di altri operatori del sociale.
Chiediamo venia, ma dopo il secolo breve e crudele, non ci eravamo ripromessi: «Mai più!»?. Un «mai più!» che doveva improntare il nostro atteggiamento verso ogni forma di violenza e che ci doveva rendere guardinghi e vigilanti? E visto che mai come oggi la violenza è stata condannata moralmente, stigmatizzata politicamente, sanzionata giuridicamente e che rappresenta la sconfitta dell’etica, l’attentato alla convivenza civile, la ferita alla dignità umana, non dovremmo esitare a spingere lo sguardo fin “dentro quei territori dove – come ci ha insegnato Walter Benjamin – il diritto mostra la sua ambigua vicinanza alla violenza”.
Il non esitato diritto al lavoro, per esempio, mai soddisfatto governativamente, che sta alla base di tante violenze. Fuor di ipocrisia e con poca esaltazione, notiamo come il libro di Pascal Schembri sia stato presentato a raffica in diversi paesi della provincia, che lo stesso Schembri sia stato omaggiato col “Premio Telamone” e con la “Pergamena Pirandello”. Il libro ci spiattella gli episodi ma le risposte, nell’offerta della lettura, non ci sembra siano venute fuori , esaustive e feroci, come l’argomento merita e che, isolandolo, annichilisce uomini e donne.
Lo scrittore Alfonso Gueli
Lo scrittore Alfonso Gueli
Patrizia Pagano
Patrizia Pagano
Primo Piano di Laura Romano
Primo Piano di Laura Romano

Continuiamo a chiederci perché le donne sposano gli uomini (e viceversa)? Vi sembra un interrogativo banale? Appunto, come” la banalità del male”, diceva qualcuno tornando da Buchenwald.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *