Agrigento, “estorsione a commercianti”: Natalello non risponde al Gip

Agrigento, “estorsione a commercianti”: Natalello non risponde al Gip

0
SHARE
Ignazio Natalello

Ignazio Natalello, 60 anni, personaggio molto noto in città per aver fatto parte dei “tammurinara di San Calò” e parcheggiatore abusivo, arrestato dai Carabinieri di Agrigento venerdì socrso  con l’accusa di aver fatto pratiche estortive ai danni di alcuni commercianti del Villaggio Mosè, non ha risposto, ieri, alle domande del giudce del Tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, nell’interrogatorio di convalida. Natalello, che si trova agli arresti domiciliari, ha fatto scena muta seguendo la strategia difensiva concordata col legale Daniele Re. Secondo l’accusa ’uomo avrebbe chiesto denaro ad alcuni esercizio commerciali e avrebbe applicato colla ai lucchetti degli esercizi interessati per intimidire i proprietari. L’uomo diceva alle vittime di riscuotere i soldi per conto di Cosa nostra agrigentina.Ieri sera, Alla consegna del denaro richiesto, l’uomo ha trovato i militari dell’Arma che lo hanno arrestato in flagranza di reato.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *