Agrigento, Giudice condanna Enel a risarcire ristorante: troppi blackout

Agrigento, Giudice condanna Enel a risarcire ristorante: troppi blackout

0
SHARE
L'avvocato Marco Patti

In ordine ai ripetuti blackout che si stanno verificando anche quest’anno nel cuore di Agrigento, ove vi insistono la gran parte delle attività commerciali e di ristorazione, si segnala sull’argomento un’importante sentenza emessa in data 16.07.2015 dal Giudice di Pace di Agrigento, nella persona della dott.ssa Basile Antonella, che ha condannato l’Enel a risarcire i danni conseguenti all’interruzione di energia verificatesi nell’esercizio commerciale “Ristorante pizzeria Marco Polo” nei giorni del 22 e 23 giugno del 2012.
Il Giudice adito, ha rilevato che il disservizio dell’ente erogante è da ritenersi un inadempimento contrattuale stante che tale problema non può ricondursi al caso fortuito o all’accidentalità in virtù dei ripetuti e costanti eventi interruttivi dell’energia che oramai si ripetono con cadenza annuale cosi per come dimostrato dalla difesa di parte attorea-
Nello specifico, la Dott.ssa Basile con sentenza n. 509/2015 ha “bacchettato severamente” il fornitore di energia elettrica, l’Enel, rilevando che quest’ultimo non ha adottato tutte le precauzioni suggerite dall’ordinaria diligenza per impedire l’evento, come il regolare svolgimento dei controlli, ormai elettronici, sul funzionamento dei cavi interrati, causa del disservizio in specie, rimandando la riparazione degli stessi nonostante la conoscenza dello stato in cui versino.
Pertanto, accogliendo la domanda risarcitoria avanzata da Giuseppe Lattuca Giuseppe, di titolare del “Ristorante Pizzeria Marco Polo”, rappresentato e difeso dall’avv. Marco Patti, il Giudice di Pace adito, così argomentando, ha dichiarato che “La convenuta Enel, essendo obbligata per contratto a fornire ininterrottamente l’energia elettrica, deve ritenersi responsabile dell’inadempimento e deve, quindi essere condannata a risarcire il conseguente danno che, ai sensi dell’art. 1223 c.c., per l’inadempimento o il ritardo, deve comprendere la perdita subita dal creditore che, nel caso di specie è consistita nel deterioramento delle derrate alimentari e nei mancati guadagni”, liquidando i danni patiti dall’esercizio commerciale in questione in via equitativa con conseguente condanna per parte convenuta al pagamento delle spese legali.
Si tratta di una sentenza significativa che riconosce la responsabilità contrattuale della società elettrica per tutti coloro i quali, soprattutto attività commerciali e di ristorazione, a causa di eventi interruttivi dell’energia elettrica, hanno subito e a tutt’oggi subiscono, stante il ripetersi del disservizio, danni patrimoniali meritevoli di risarcimento.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *