Agrigento, inquinamento delle acque dopo moliture: 5 indagati

Redazione

Cronaca

Agrigento, inquinamento delle acque dopo moliture: 5 indagati

di Redazione
Pubblicato il Gen 17, 2018
Agrigento, inquinamento delle acque dopo moliture: 5 indagati

Tre impianti sequestrati e cinque persone iscritte nel registro degli indagati per inquinamento delle acque.

E’ il bilancio di undici accessi ispettivi ad altrettanti oleifici disposti dalla Procura di Agrigento. L’obiettivo è reprimere il fenomeno dello sversamento e spargimento illegale delle acque provenienti dalla lavorazione delle olive con il conseguente inquinamento delle acque del mare e dei fiumi.

In azione il Corpo forestale regionale, la Capitaneria di porto, la Guardia di finanza e i carabinieri. “Nonostante l’impegno delle forze di polizia, cui va il plauso della Procura – dice il procuratore Luigi Patronaggio – si sono registrati ulteriori allarmanti episodi di inquinamento delle acque, per i quali sono in corso indagini volte a identificarne gli autori”.

Per la prossima campagna di molitura delle olive è al vaglio della Procura l’attivazione di specifici e mirati servizi preventivi volti a scongiurare i fenomeni di inquinamento idrico.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04