Agrigento, interrogato l’ing. Gabriele: “In Romania per curarmi”

Agrigento, interrogato l’ing. Gabriele: “In Romania per curarmi”

846 views
0
SHARE
L'ing. Giuseppe Gabriele

E’ stato interrogato stamattina nel carcere “Petrusa” di Agrigento, dal Gip, Alfonso Malato, presente il suo avvocato difensore, Ignazio Valenza, l’ingegnere Giuseppe Gabriele, 54 anni, posto in stato di fermo l’altro ieri mattina dai magistrati della Procura della Repubblica. Gabriele ha risposto alle domande del Gip e del pubblico ministero, Andrea Maggioni. Il professionista si è difeso dall’accusa di truffa ed altro per aver ottenuto 265 giorni di malattia grazie a 18 certificati valutati fasulli dal procuratore capo, Renato Di Natale e dal sostituto procuratore Andrea Maggioni, sottoscritti da un medico sulla cui identità vige il massimo riserbo ma sul conto del quale non è difficile ipotizzare l’emissione di un provvedimento cautelare. L’indagine, denominata “Romanian dental tour”, ha permesso di mettere in evidenza come Gabriele dirigente del Comune di Ravanusa abbia utilizzato diciotto certificati medici  fasulli (su sua istigazione) per assentarsi dal lavoro, dal gennaio 2014 al maggio 2015 e curare i suoi affari in Romania, truffando, così sostengono i Pm, sia il Comune di Ravanusa – suo datore di lavoro – che l’Inps che ha erogato le corrispondenti somme previdenziali. Gabriele ha respinto le accuse sostenendo che davvero necessitava delle cure mediche odontoiatriche a cui si sottoponeva in Romania. Di parere diverso la Procura che sostiene l’esatto contrario: Gabriele andava in Romania per curare i propri affari. Il Giudice per l’indagine preliminare adesso deciderà se convalidare o meno il provvedimento di fermo (disposto perché elevata è sembrata la possibilità di fuga). Intanto, non è esclusa la possibilità dell’emissione di una misura cautelare nei confronti del medico compiacente.                                    

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *