Agrigento, “La bellezza dell’acqua” protagonista del Caffè letterario “sulla strada della legalità”

Agrigento, “La bellezza dell’acqua” protagonista del Caffè letterario “sulla strada della legalità”

1.212 views
0
SHARE
Iacono, Bellavia e Lo Bue gli autori de La Bellezza dell'acqua

Enzo Alessi e la collaboratrice Giusy Terrasi
Enzo Alessi e la collaboratrice Giusy Terrasi
Il clarinettista
Il clarinettista
Il questore Mario Finocchiaro ha presenziato all'incontro
Il questore Mario Finocchiaro ha presenziato all’incontro

Pare che non ci sia molto spreco di acqua ad Agrigento, anzi “sorella acqua” assolve magnificamente alle sue funzioni.

Lo conferma un comunicato del Movimento 5Stelle che parla di una amministrazione comunale “con l’acqua alla gola” mentre uno degli autori  de “La bellezza dell’acqua” presentato al Caffè letterario della Questura, la prof. Lia Lo Bue, indica in maniera indiscutibile l’aspetto rigenerante e purificante dell’acqua. Tanto da dare il titolo al romanzo scritto con Alberto Bellavia e Adriana  Iacono che  ruota attorno alla vicenda dell’uccisione del commissario di polizia Cataldo Tandoj nel marzo del 1960. Una storia che il conduttore Enzo Alessi condisce di particolari perché essendo in quegli anni “cronista di nera” ne seguì le vicende alterne e subalterne a tentativi di depistaggio  in direzione “delitto passionale” che faceva comodo a molti, soprattutto politici.

Il questore posa con la band musicale
Il questore posa con la band musicale
La band degli studenti del  Liceo Maiorana
La band degli studenti del Liceo Maiorana
La solista della band
La solista della band

Erano tempi in cui riecheggiavano le parole del card. Ruffini “la mafia non esiste” senza dimenticare che alla fine del febbraio di quell’anno uscì nelle sale cinematografiche “La dolce vita” di Federico Fellini, sopraffatto dalle polemiche pruriginose e che avevano costretto il regista riminese a inginocchiarsi dinanzi all’allora potentissimo card. Siri chiedendo clemenza per il suo film.

Un dibattito “cine-sociale” che malauguratamente gonfiò a dismisura le motivazioni sull’uccisione   di Tandoj e della provincia innocente e corrotta .

 “Comodità”, dicevamo,  alimentate secondo fini di lotta politica.   La verità si rivelò essere ben altra, qualche anno dopo. Ce lo hanno ricordato, ed è sempre bene farlo, Lia Lo Bue, Adriana  Jacono e Alberto Bellavia. Un romanzo collettivo unico nel suo genere – hanno tenuto a precisare gli autori -dove il racconto e il vissuto hanno confini labili”.

La terrazza sul mare affollata di pubblico
La terrazza sul mare affollata di pubblico

Galeotto fu per loro la  partecipazione a un corso di scrittura diretto da Beatrice Monroj. L’insegnante racconta loro dell’omicidio del commissario di Polizia Cataldo  Tandoj, avvenuto al Viale della Vittoria ad Agrigento nel lontano 1960, un agguato in piena regola  nel quale perse la vita anche il giovane Ninni Damanti, colpito da una pallottola vagante.

Sotto l’incalzare delle domande di Alessi, viene fuori tutto uno spaccato di dolenti ricerche e incontri con il fratello di Ninni, di minuziose ricostruzioni che – conferma Alessi – risultano incredibilmente  simili agli accadimenti di cui era stato testimone. L’umana pietas prende il sopravvento lungo le pagine  che il terzetto va  scrivendo ed è la stessa Lia Lo Bue che confessa come la riscoperta della scrittura collettiva la entusiasma al punto da sublimare  il suo egotismo di scrittrice e, aggiungiamo noi,  di poetessa di fine ispirazione.

Bella e affollata la serata dedicata a questo  quinto incontro letterario  “Sulla strada della legalità” proposto dalla Questura e dall’Associazione Emanuela Loi”. La  band “The classroom” del liceo Majorana ha eseguito moderni  intermezzi musicali al clarinetto e anche un brano del  classico Bela Bartok .

Prossimo appuntamento il 5 agosto con  il “Social gossip” di Francesco Pira e “Le migrazioni dalla preistoria a Lampedusa 2013” di Gaetano Allotta.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *