Agrigento, “non sono socialmente pericolosi”: rimessi in libertà due tunisini

Redazione

Agrigento

Agrigento, “non sono socialmente pericolosi”: rimessi in libertà due tunisini

di Redazione
Pubblicato il Mar 3, 2017
Agrigento, “non sono socialmente pericolosi”: rimessi in libertà due tunisini

Giovedì 2 marzo, presso il Tribunale di Agrigento, è stata celebrata la direttissima nei confronti di due cittadini extracomunitari di nazionalità tunisina: Issaoui Maer di anni 30 e Aidi Maer, di anni 26, i quali, qualche giorno prima, erano stati arrestati dagli agenti del Commissariato di frontiera, subito dopo essere sbarcati da un peschereccio “della speranza” nell’isola di Lampedusa.

I due tunisini, entrambi accusati di aver violato il divieto di reingresso quinquennale in territorio italiano, sono stati difesi di fiducia dall’avvocato Marco Padùla e si sono avvalsi della facoltà di non rispondere alle domande del giudice monocratico.

Issaoui Maer, incensurato con un solo carico pendente per spaccio di stupefacenti, era stato espulso dal territorio italiano con decreto del prefetto di Varese, mentre Aidi Maer, incensuarato, era stato espulso con divieto di reingresso per decreto del prefetto di Ravenna.

Il pubblico ministero ha chiesto la convalida degli arresti e la conferma della misura carceraria per i due giovani extracomunitari.

Il giudice monocratico invece, accogliendo la richiesta di scarcerazione immediata dei due tunisini proposta dall’avvocato Padùla, li ha subito posti in stato di libertà in quanto non socialmente pericolosi e in quanto rientranti nella categoria dei rifugiati politici, i quali, fuggendo da persecuzioni di natura politica, etnica o religiosa, sono alla ricerca di protezione e fissa dimora in luoghi pacifici e civili ove poter vivere senza paura.


Dal Web


  • Agrigento

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361