Agrigento

Agrigento, operazione “Alta Tensione”, il tecnico intercettato: “Non voglio guadagnare molto, mi basterebbero 5.000 euro…”

Uno stralcio di intercettazioni riguardanti l’operazione “Alta Tensione” illustrata ieri dai Carabinieri di Agrigento, in una apposita conferenza stampa, e pubblicata dal quotidiano La Sicilia di ieri, evidenzia il giro di denaro che coinvolgeva i due verificatori “infedeli” dell’Enel coinvolti nella vicenda, Giovanni Trupiano, 60 anni di Agrigento e Domenico La Porta, 63 anni

Giovanni: «Oggi ho tirato mille euro. Mo preso mezzo stipendio, già oggi»;

Domenico: «Ora domani»;

Giovanni: «Domani ho un’altra entrata»;

Domenico: «Nuovamente mieti (raccogli) domani o no?»;

Giovanni: «Domani avrò altre due tre entrate…altri settecento,
ottocento euro devono essere pagati. Io non voglio guadagnare
molto. Io vorrei racimolare 3 mila euro al mese in più…cinque mi basterebbero».

 

Questi i nomi di tutti gli indagati e i relativi esercizi commerciali coinvolti: Giovanni Trupiano, 60 anni di  Agrigento; Domenico La Porta, 63 anni di Naro; Gioachino Cuscio,  40 anni di  Canicattì (titolare Bar del Sole); Giuseppe Modica, 45 anni di Agrigento; Simone Modica, 40 anni di Agrigento entrambi amministratori della Alessi S.n.c. di Alessi Angela & C., titolari della Trattoria dei templi; Giuseppe Contino, 50 anni di  Agrigento, cogestore del locale “Robe di kappa” ad Agrigento; Maria  Santa  Rallo,  50 anni, di Canicattì  titolare ditta Corallo srl, e  residente ad Agrigento; Salvatore Domenico Siracusa, 50 anni di Canicattì; Luigia   Vinci,   56 anni di Campobello di Licata e residente a Canicattì che ha avuto un ruolo di mediatrice; Tommaso  Cortelli, 49 anni di Agrigento; Massimo Cortelll, 39 anni, di Agrigento;  Vincenzo Cortelli, 44 anni di Porto Empedocle, titolari della pescheria Primavera srl;  Alfonso Catania, 52 anni veterinario di Agrigento; Calogero Schembri, 44 anni, titolare di un caseificio a Montallegro; Anna Maria Farruggio, 52 anni di Naro; Pietro Failla, 44 anni di Canicattì; Diego  Favata,  45 anni di Canicattì; Angelo  Gioacchino Sanfilippo, 39 anni di Canicattì; Giuseppe  Antonio  La Mendola, 44 anni di Grotte; Vincenzo  Palumbo,  44 anni, di Grotte.

Nell’inchiesta sono rimasti coinvolti anche Calogero Ciulla, titolare dell’agriturismo Feudo Muxarello già sotto processo e il negozio di ceramiche Canicattì Cosmo design.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top