Agrigento, ordinanza Gip: “Arnone in Tribunale può andare solo se prelevato e scortato dalla Polizia penitenziaria”

Redazione

Agrigento

Agrigento, ordinanza Gip: “Arnone in Tribunale può andare solo se prelevato e scortato dalla Polizia penitenziaria”

di Redazione
Pubblicato il Nov 23, 2016
Agrigento, ordinanza Gip: “Arnone in Tribunale può andare solo se prelevato e scortato dalla Polizia penitenziaria”

L’avvocato Giuseppe Arnone, arrestato lo scorso 12 novembre in flagranza di reato con l’accusa di estorsione, e attualmente ai domiciliari, non potrà più recarsi da solo in tribunale per gli altri processi in cui è imputato, ma dovrà essere prelevato da casa scortato e tradotto dalla Polizia penitenziaria.

Lo ha deciso oggi pomeriggio, con una apposita ordinanza urgente, il Gip di Agrigento Francesco Provenzano, dopo che ieri Arnone, mentre era in aula per un altro procedimento a suo carico, aveva indossato la toga per difendere una persona coinvolta in un altro processo.

“Ritenuto, anche alla luce dell’esito della precedente autorizzazione concessa all’indagato in data 21 novembre di recarsi libero e senza scorta all’udienza che lo vedeva imputato, ordinanza che sembra non aver avuto corretta esecuzione da parte di Arnone – scrive il giudice nell’ordinanza – ritenuto, in conseguenza, alla luce di ciò, di dover modificare l’ulteriore autorizzazione a recarsi libero e senza scorta alla nuova udienza del 24 novembre dinanzi al giudice Giuseppe Miceli, dove Arnone riveste la qualifica di imputato” il giudice dispone “che, fermo restando il diritto dell’imputato a presenziare all’udienza in cui tratto a giudizio il 24 novembre dinanzi al tribunale monocratico, Giuseppe Miceli, Arnone giunga in aula accompagnato dalla Polizia penitenziaria che ne curerà la traduzione e, finito il procedimento, provvederà al riaccompagnamento dell’imputato alla sua residenza domiciliare”.


Dal Web


  • Agrigento

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361