Agrigento, presentata dal sindaco Firetto la nuova Giunta (a lunga gittata)

Agrigento, presentata dal sindaco Firetto la nuova Giunta (a lunga gittata)

0
SHARE
La nuova Giunta del sindaco di Agrigento Lillo Firetto

Il sindaco Firetto giunge in conferenza stampa
Il sindaco Firetto giunge in conferenza stampa
Firetto mostra le deleghe assessoriali
Firetto mostra le deleghe assessoriali
Affollatissimo il salone dei Filippini
Affollatissimo il salone dei Filippini

Una Giunta” a lunga gittata”. Il neo sindaco Lillo Firetto l’aveva annunciato  e oggi pomeriggio ha mantenuto la promessa. Nell’affollato salone dei Filippini ha presentato alla stampa i nuovi assessori che si aggiungono a Biondi, Amico e Fontana. Sono tutti nomi di professionisti affermati e oltre alle deleghe specifiche, Calogero Firetto annuncia un singolare colpo di scena: saranno tutti “vicesindaco strutturale”, a rotazione – aggiunge. I nomi sono quelli di Francesco Miccichè, Elisa Virone, Gerlando Riolo. Dunque arriva con Firetto una ventata di rappresentanti della società civile, lontani (ragionevolmente) da gossip, diatribe e addentellati partitici. Ad Amico va il controllo di gestione che è una delega – precisa Firetto, “mai assegnata, una delega di controllo trasversale a tutte le altre perché Agrigento ha bisogno di un grande (auto) controllo e di innovazione dei sistemi informatici”. Firetto precisa inoltre anche che la squadra è stata scelta in funzione di una  grande armonia che non potrà durare 48 ore ma proiettata verso un futuro quinquennale. La prima riunione di Giunta programmerà e andrà a precisare in dettaglio i compiti di ciascuna delega e il piano della mobilità che verrà discusso a breve con la cittadinanza sarà  un punto di partenza che traguarda la città e che potrà sconvolgere salutarmente le nostre abitudini. Firetto, su questo, è deciso anche ad affrontare qualche frangia di impopolarità, come per esempio il divieto agli autobus di transitare per via Atenea. Altro aspetto che riceve molti applausi è la vicenda dei pagamenti degli assessori i quali – precisa Firetto – devono lavorare ed essere pagati regolarmente, superando così  a piè pari falsi populismi e abbordaggi di  fatuo consenso.  Sulla Fondazione Pirandello, il sindaco risponde  che leggerà  il regolamento e  approfondirà le carte mentre annuncia un severo controllo sul personale di categoria A e B che “non vedo nelle strade e di cui so di certificati medici presentati, verificheremo tutto e faremo chiarezza”. Anche qui applausi fragorosi e poi tutti fuori per la foto di gruppo.

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *