Agrigento, presunta truffa per la cassa integrazione: chiesto rinvio a giudizio per...

Agrigento, presunta truffa per la cassa integrazione: chiesto rinvio a giudizio per 9 persone

0
SHARE
Tribunale di Agrigento

Rischiano di finire sotto processo i vertici di una società agrigentina che commercializza ossigeno per uso terapeutico. La società, la Sapio life srl,  avrebbe, secondo l’accusa, attestato un calo del fatturato per ottenere la cassa integrazione per i dipendenti ma in realtà la stessa società non avrebbe avuto alcuna diminuzione della propria attività, anzi, addirittura avrebbe avuto un incremento delle proprie commesse. Ora i responsabili della ditta potrebbero essere accusati di truffa aggravata ai danni dell’Inps. Il pm Antonella Pandolfi ha chiesto il rinvio a giudizio per nove persone coinvolte nella vicenda, nello specifico: Giovanni Gallicchio, 611 anni e Carlo Maria Raise, 48 anni, rispettivamente legale rappresentante e reponsabile area sud della Sapio Life e di sette componenti della commissione provinciale delle Cassa Integrazione e guadagni, Loredana Bongiovì, Francesco Mossuto, Giovanni Manganella, Umberto Nero, Domenico Galvano, Vittorio Laiola e Cosimo Gigantesco. I fatti risalgono al 2010 e furono accertati da una indagine dell’Ispettorato del Lavoro e  dalla Guardia di Finanza. La domanda di cassa integrazione riguardava quattro lavoratori e l’importo della presunta truffa ammomnta a poco più di 6 mila euro.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *