Agrigento, processo alle sorelle Picone, la difesa: “Presunta vittima non è credibile”

Redazione

Agrigento

Agrigento, processo alle sorelle Picone, la difesa: “Presunta vittima non è credibile”

di Redazione
Pubblicato il Nov 1, 2018
Agrigento, processo alle sorelle Picone, la difesa: “Presunta vittima non è credibile”

Si è tenuto ieri, in un aula del Tribunale di Agrigento, un’altra udienza del dibattimento processuale che vede imputate l’avvocatessa Francesca Picone e la sorella di questi, Concetta, accusate di estorsione e tentata estorsione in danni di una cliente, Giuseppina Barbiere.

Ieri dopo alcune dichiarazioni rese proprio dalla Picone, la “palla” è passata all’avvocato Angelo Farruggia che ha messo in discussione la credibilità della presunta vittima.

“La signora Barbiere aveva concordato, con l’avvocatessa Picone e la sorella, la parcella. Ora è qui come parte offesa, non è credibile. Non c’è sproporzione in relazione a quanto chiesto dall’avvocatessa. La Barbiere ha denunciato perchè non vuole pagare”.

Al termine dell’udienza, la prossima seduta è stata fissata per il 7 dicembre.

Nella precedente, intanto, il pm Alessandra Russo aveva chiesto la condanna a 5 anni per la professionista e a 8 mesi per la sorella.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04