Agrigento, Riccardo Gallo sulla chiusura punti nascita: “Rivedere la decisione”

Agrigento, Riccardo Gallo sulla chiusura punti nascita: “Rivedere la decisione”

0
SHARE

“La risposta del sottosegretario alla salute De Filippo, a seguito dell’interrogazione presentata dal Pd sulla chiusura di numerosi punti nascita in Sicilia, alcuni dei quali nell’agrigentino, oltre ad essere inadeguata nel merito, in quanto rischia di determinare gravissimi effetti sui livelli di assistenza sanitaria per le comunita’ locali, desta perplessita’, in ordine alle note e storiche condizioni di assoluto degrado e precarieta’ connesse al sistema di viabilita’ delle strade statali dell’isola. In particolare, la strada statale 115, che attraversaAgrigento, Licata e Gela, obblighera’ con notevoli difficolta’ di spostamento, i cittadini della provincia agrigentina, verso altri punti nascita per i quali invece e’ stata concessa la deroga, per problemi di viabilita'”. Cosi’ in una nota Riccardo Gallo, vicecoordinatore di Forza Italia in Sicilia, che ha presentato questa mattina un’interrogazione ai Ministri della salute Lorenzin e delle Infrastrutture e trasporti Delrio, sulla decisione assunta dal Governo e incredibilmente avallata dalla Regione Sicilia, che prevede entro fine anno la chiusura dei punti nascita di: Mussomeli (Cl), Bronte (Ct), Lipari (Me), Mistretta (Me), peraltro gia’ chiuso, Petralia Sottana (Pa), S. Stefano di Quisquina (Ag) e Licata (Ag). “E’ veramente singolare e sconcertante, che non si valuti la situazione disastrosa in cui versano i tratti stradali che interessano la provincia di Agrigento, spesso oggetto di incidenti mortali. Pertanto l’avventata scelta di chiudere alcuni punti nascita nelle localita’ che interessano la viabilita’ di tali tratti, arrechera’ inaccettabili complicazioni per tantissimi cittadini siciliani ed in particolare agrigentini, costretti a spostarsi in automobile lungo percorsi stradali degni di un paese da terzo mondo. Al riguardo, ho chiesto di rivedere tale decisione e al contempo di prevedere un potenziamento del sistema legato alle infrastrutture stradali. Su questo, le politiche d’investimento del Governo nei confronti del Mezzogiorno e della Sicilia, continuano ad essere visibilmente assenti”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *