Agrigento, sulla vicenda Santa Marta, Vaccarello dice: “Accertare responsabilità”

Agrigento, sulla vicenda Santa Marta, Vaccarello dice: “Accertare responsabilità”

390 views
0
SHARE
Il consigliere Vaccarello

Il Consigliere Comunale Angelo Vaccarello interviene in merito alla nota diramata da Dirigente del Settore Patrimonio del Comuna e di Agrigento Giovanni Mantione e pubblicata sul sito dello stesso Comune, in cui viene affermato che l’Immobile di Santa Marta, situato sotto la Cattedrale, era stato concesso in comodato gratuito dalla precedente amministrazione. Con una lettera a firma del Dirigente dei Servizi Finanziari, il Comune di Agrigento ha quindi chiesto il rilascio dell’immobile in quanto intende avviare una procedura di gara pubblica per l’assegnazione dell’immobile a titolo oneroso, nel rispetto della destinazione d’uso dello stesso.

Vaccarello a questo giro di parole non ci stà e conferma “Intanto questa vicenda rappresenta una mia prima vittoria e di ciò ringrazio anche l’ex Consigliere Alfonso Vassallo che insieme a me a lottato su questa storia mettendo alla luce questa vicenda ed oggi con questo comunicato il Comune conferma la sua fragilità amministrativa e le grosse anomalie. Ma devo correggere il Dott. Mantione perchè l’immobile è stato concesso dal Dirigente d’area e non dalla vecchia amministrazione, in quanto non esiste delibera di giunta nè atto di indirizzo assessoriale che ha dato il via, adesso il prossimo passo è quello di capire le responsabilità da parte dei Dirigenti competenti, accertare il danno, accertare se ci sono state ipotesi di corruzione e dopo di che se ci sono i presupposti avviare l’iter per il loro licenziamento, grazie alla nuova leggere Renzi sui Dirigenti Comunali. Di tutto ciò ho gia presentato delle interrogazioni circa un mese fa, dove ho messo in evidenza le gravi criticità dell’affidamento, perchè è assurdo quanto strano che nel giro di una settimana dopo avere presentato una richiesta di concessione in comodato di alcuni locali comunali il comune oltre ad esaudire tale istanza riesce pure a firmare l’atto di comodato. Insieme all’ex Consigliere Vassallo mi ero adoperato a richiedere una commissione d’indagine ma è rimasta all’odg dell’ultima seduta del precedente Consiglio Comunale, adesso inizio a capire che stavamo toccando troppi interessi e mettendo alla luce troppe anomalie, ora inizio ad avere la consapevolezza che la Manifestazione di Febbraio era pilotata, è questo caso ne una delle prove, adesso bisogna risolvere la questione rifiuti, di queste cose non si indigna più nessuno? Ai posteri indignati l’ardua sentenza.”

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *