Agrigento, teatro di Akragas: il bello deve ancora venire

Diego Romeo

Agrigento

Agrigento, teatro di Akragas: il bello deve ancora venire

di Diego Romeo
Pubblicato il Mar 23, 2017
Agrigento, teatro di Akragas: il bello deve ancora venire

La mostra archeologica sulle nuove ricerche nell’Agorà di Agrigento, segna ancora una volta un punto a favore per l’avvicinamento tra cittadini e risorse archeo-ambientali.
Tutti presenti all’apertura dell’esposizione presso il Museo archeologico, dal direttore del Parco Giuseppe Parello, all’archeologo Luigi Caliò, la direttrice del Museo Gioconda La Magna, la soprintendente Gabriella Costantino e un foltissimo gruppo di funzionari e studenti. Ospite inatteso l’on. Antonio Venturino che trova parole di congratulazioni per il lavoro di scavo fin qui svolto.


L’umore per i ritrovamenti, è lasciato intendere, non è proprio superlativo e però lascia supporre che il bello deve ancora venire.
Si procede con la necessaria cautela e lentezza, reperti se ne sono trovati che permettono una datazione e ci consentono di sapere che in questa zona c’era un santuario. Ancora non si è delineata la struttura ma lo si spera per le lucerne ritrovate insieme ad altro proveniente dalla zona superiore del teatro. Per il teatro c’è qualche struttura che ancora non si riesce a leggere molto bene. Ci sarà qualcosa, di certo c’è un’area sacra ma non si sa come è fatta. E poi c’è la strada, c’è il viale moderno per cui sarà un po’ difficile continuare. E quindi non si sconvolgerà l’assetto della zona come accade per la metropolitana di Roma. Comunque come in altre zone e città della Sicilia c’è il teatro, il santuario-cavea.
Difficile calcolare quanto si scoprirà di meglio, per adesso ci si concentra su quello che verrà fuori nella prossima campagna di scavi, dopo la quale si potranno fare maggiori previsioni perché piano piano più si scava più si riuscirà a comprendere e di conseguenza si andrà più sicuri a scavare. Alle rappresentazioni teatrali – si fa notare – era legata un’area di culto che è stato una gran fortuna trovare. Monete e ceramiche rinvenute consentono di classificare cronologicamente le strutture e così si è avuta conferma di essere nella fase ellenistica quindi tra il III e II secolo a.C.
“I risultati ottenuti, ci dice Parello – danno contezza sia della struttura teatrale in se stessa sia anche delle attività connesse a quelle teatrali. La mostra comprende anche i reperti provenienti da altre aree dell’Agorà perché il lavoro che stiamo facendo non è circoscritto al teatro ma riguarda l’Agorà superiore in tante delle sue parti, per esempio per quanto riguarda il tempio romano e la piazza triportica. Da qui a quattro settimane riinizieremo lo scavo del teatro, inizio previsto per il 2 maggio e quindi dal tre maggio potranno effettuarsi le visite del cantiere aperto. Chi vuole può già prenotarsi per assistere al secondo lotto di scavi. Si entrerà così nella parte inferiore della cavea e l’obiettivo sarà quello di tirare fuori il resto della cavea e quant’altro, sperabilmente”.

Loading…


Dal Web


  • Agrigento

    Operazione Montagna, l’intervista al colonnello Giovanni Pellegrino

    di Diego Romeo
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/lAATr-r11Ss..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Agrigento

    Incidente mortale tra Aragona e Favara, agrigentino assolto da accuse

    Pubblicato il 22 01 2018

    “Assolto perché il fatto non costituisce reato”: è il dispositivo della sentenza pronunciato dalla VI Sezione Penale della Corte di Appello di Palermo nei confronti di M.C., che in primo grado aveva subito una condanna dal Tribunale di Agrigento a 9 mesi di reclusione. L’uomo era stato riten..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361