E’ ai domiciliari ma non rinuncia a festeggiare il proprio compleanno a casa di amici, pluripregiudicato arrestato

Redazione

Cronaca

E’ ai domiciliari ma non rinuncia a festeggiare il proprio compleanno a casa di amici, pluripregiudicato arrestato

di Redazione
Pubblicato il Set 2, 2017
E’ ai domiciliari ma non rinuncia a festeggiare il proprio compleanno a casa di amici, pluripregiudicato arrestato

Durante un servizio di controllo del territorio, una pattuglia dei carabinieri della Stazione di Bordonaro ha arrestato Carmelo Ritrovato, pluripregiudicato catanese di 57 anni, sorpreso al di fuori della propria abitazione nonostante fosse sottoposto al regime della detenzione domiciliare.
L’uomo era stato arrestato lo scorso giugno dai carabinieri in esecuzione di ordine di carcerazione, dovendo espiare un anno di reclusione per un furto aggravato commesso nel settembre 2013, quando era stato sorpreso in Viale San Martino intento, con un carrello per la spesa, a trafugare cavi elettrici prelevandoli dai tombini posti sul marciapiede.
All’epoca, Ritrovato era stato immediatamente fermato e, a seguito di perquisizione, era stato trovato in possesso di 90 metri di cavi elettrici, una grossa tenaglia, un giravite, un coltello, uno scalpello ed una torcia. Da un accurato controllo della zona circostante, gli operanti avevano inoltre constatato che erano già stati danneggiati sei tombini, da cui erano stati tagliati i cavi elettrici.
Oggi, quando i militari della Stazione di Bordonaro non lo hanno trovato presso la propria abitazione, hanno dato avvio ad una serrata attività di ricerca fino a quando sono riusciti a rintracciarlo a casa di alcuni amici. L’evaso, che si trovava davanti ad una tavola imbandita, aveva probabilmente deciso di festeggiare il proprio compleanno, incurante della pena detentiva da scontare.
Carmelo Ritrovato è stato quindi in arrestato in flagranza di reato per “evasione” e, dopo le formalità di rito, è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo, che avrà luogo oggi.
 mi-piace


Dal Web


  • Cronaca

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Cronaca

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Cronaca

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Cronaca

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361